In Sardegna non c’è il mare

Il mondo, si sa, è pieno di sorprese e pertanto può succedere che la Sardegna, terra amatissima per le sue coste spettacolari, abbia in realtà un suo cuore, su cui son state divulgate leggende che ovviamente non corrispondono al vero, dove non vi sono spiagge né acque limpide. Insomma non c’è il mare. La Barbagia raccontata da un barbaricino allora rivela i suoi segreti. Partendo dall'abbattere i numerosi luoghi comuni con cui son stati sempre tratteggiati i nativi di questa zona dell’interno, con i tratti impervi ma anche un’umanità varia e naturalmente fiera, con le sue asserzioni ancestrali ma anche con le evidenti contraddizioni e controindicazioni reali. Per esempio i sequestratori sono considerati scemi, malvisti ed isolati, ma non per questo tutti son disposti a farne i nomi a chi non li sa, rischiando la vita. Ed esiste anche la possibilità di una schematizzazione di una propria tradizione letteraria, che narrativizzi il reale indigeno e non quello confezionato dall’amato continente, in cui il sardo non è un cane sciolto ma invece espressione di una ben precisa linea, a partire dal “moloch” Grazia Deledda, che per prima ha lanciato una idea di isola sfaccettata e problematica, più che folcloristica. Ecco allora che questa narrativa si dipana con Dessì e Peppino Fiori senza mai dimenticare poi Atzeni, fino ad arrivare ai più moderni Satta e Mannuzzu...

Dunque come spesso accade nella nostra nazione, dove la geografia dei luoghi equivale ad una diversa concezione del mondo, della storia e della società ben più che in altri paesi, Marcello Fois ci regala diversi spunti di riflessione. Certo spesso c’è un’evidente enfatizzazione nel dipingere certi aspetti, come quando un’accalorata vis polemica stenta a farsi mediare da una scrittura che magari puntava ad una certa oggettività, sebbene più narrativa che saggistica. Ma al di là dei giudizi letterari, interessanti e motivati ma pur sempre soggettivi, il saggio-memoriale di Fois, che alterna pagine autobiografiche a dissertazioni di ben più ampio respiro, mostra una lucida analisi (a suo modo curiosa) di un entroterra che ha una ricchezza di vari livelli ben più ampia di quanto divulgato dalla manualistica massmediatica, e certo risente della mercificazione, a volte dagli aspetti selvaggi, della splendida natura costiera sarda, meta e preda di orde che poco pensano alla gente e alla storia, ma cercano svago e bellezza nella settimana di ferie. Lungi nel cadere in luoghi comuni comunque, lo scritto rimane non solo interessante ma educativo, interessante per chi non si fermi solo al quotidiano ma voglia approfondire sopori e sapori di una terra ben lungi dall’essere facilmente decodificata, come ogni terra che si rispetti.

 


 

0

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER