A scuola di felicità e decrescita: Alice Project

 A scuola di felicità e decrescita: Alice Project
Valentino Giacomin è un insegnante elementare di Treviso in pensione che ha creato un metodo educativo nuovo, tutto suo. E ora, dopo dieci anni di sperimentazione nella scuola pubblica italiana, si trova in India, ad applicarlo con i bambini. È il Progetto Alice: che prendendo spunto da Alice nel paese delle meraviglie, invita a non attenersi solo al buon senso e a ciò che “si deve”, ma ad esplorare il mondo e le cose lasciandosi anche un po’ andare a ciò che “si è” e a ciò che “si sente”; non in un turbinio emozionale caotico e frammentario, ma in una conoscenza di se stessi che permetta di accedere a una sana e realistica percezione della propria soggettività-nel-mondo, anziché a una ipertrofica e illusoria pretesa di oggettività (quando non di onnipotenza) tipica di certi approcci filosofici e scientifici che - per concentrarsi sulla parte - finiscono per perdere di vista il tutto…
Gloria Germani è una intellettuale fiorentina impegnata su più fronti, dal dialogo interculturale e interreligioso (in particolare tra Oriente e Occidente) alla decrescita economica, dalla critica aspra alla scienza (quando dimentica la sua legge fondamentale: “Sii sempre al servizio dell’uomo, non procedere mai per curiosità fine a se stessa”) all’educazione nella società globalizzata, quest’ultima tema fondamentale del libro, toccante e ricchissimo di spunti fertili che l’autrice - peraltro esperta del pensiero di Tiziano Terzani e Raimon Panikkar - presenta con la giusta dose di elaborazione filosofica. Con la prefazione del Dalai Lama.

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER