Spaghetticons

Spaghetticons
Il pensiero di matrice “neocon” ha fortemente influenzato la politica interna e soprattutto estera dell’amministrazione di George W. Bush. I neoconservatori hanno infatti rappresentato la spina dorsale ideologica della Guerra al Terrore e dell’invasione dell’Iraq in nome della difesa preventiva. Inoltre il loro radicalismo filo-occidentale ha fatto molto discutere. Qual è la percezione del pensiero neoconservatore in Italia? La nostra destra cattolica sta imboccando questa strada?...
Il saggio del giornalista Luigi Copertino è brillante e riesce a fornire una visione completa e critica del pensiero politico neoconservatore, smascherandone la facciata religiosa e rivelando un’ideologia nata da un pessimismo storico-politico di derivazione hobbesiana e schmittiana. I “think tank” neocon pullulano di difensori della cristianità ma secondo l’autore si tratta solamente di un’affiliazione di comodo, volta a legittimare uno scontro di civiltà tra Occidente e Islam, preconizzato, seppur con caratteri diversi, da un noto testo di Samuel Huntington. Alle basi del pensiero di questi falchi della democrazia regna più che altro il bisogno di affermare un nuovo ordine economico, una fenice che possa rinascere dalle ceneri del nichilismo politico attraverso la riaffermazione della centralità degli Stati Uniti sullo scacchiere mondiale. In Italia, invece, l’etichetta di neoconservatori è stata, più o meno affrettatamente, attribuita a figure come Marcello Pera e Oriana Fallaci, peccando probabilmente di superficialità e scarsa cognizione di questa tendenza politica. Il punto di vista dell’autore è genuinamente cattolico, e il suo approccio spazia attraverso secoli e secoli di pensiero politico e religioso, fornendo sempre argomentazioni solide e complete. 

 

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER