Torna da me

Torna da me

Paolina è in ritardo all’appuntamento con l’amica Ale; probabilmente si sarà già fumata mezzo pacchetto di sigarette nell’attesa e lei è bloccata a casa, con sua madre che continua a sbraitarle in faccia. Possibile che non capisca che più alza la voce e più non otterrà alcuna risposta? Ma si sono mai capite davvero loro due? Comunque sia promette a denti stretti di riordinare la stanza entro l’ora di cena e si precipita fuori di casa: oggi ha la verifica di matematica e non è proprio il caso di arrivare in ritardo... Mattia oltrepassa il cancello del campo di calcio; certo le tre del pomeriggio sono davvero un pessimo orario per allenarsi, ma il mister è stato categorico: puntuali e tutti presenti. Entra di corsa in campo, dopo aver trangugiato un toast mezzo bruciacchiato che adesso gli è rimasto bloccato a metà stomaco. E proprio mentre cerca di dissimulare il proprio malessere nota, non senza sorpresa, una figura a bordo campo: una donna, alta, con un cappotto rosso lo osserva aggrappata alla rete dietro la porta più lontana... Eleonora corre a testa bassa facendo attenzione a non scivolare; cavolo il concerto è stato davvero memorabile! Adesso rimpiange solo le sue sneaker e mentre schiva le pozzanghere le cade l’occhio su una donna con un cappotto rosso ferma vicino ad un’auto parcheggiata. La osserva, immobile ed il suo viso – benché inquietante – ha qualcosa di familiare... Alberto raggiunge la madre che lo aspetta in auto; si accorge subito che qualcosa non va, di sicuro prima di passare a prenderlo ha controllato il registro elettronico e ha visto l’ennesimo quattro a diritto. “Di nuovo quattro in diritto! Bravo, complimenti!... Sia chiaro: oggi è stato l’ultimo allenamento! Punizione a tempo indeterminato, almeno finché non risolleverai la media alla sufficienza!”. Inutile chiedere scusa, in questi casi meglio tacere; sua madre guida così nervosamente da fargli venire la nausea e davvero crede di vomitare in auto quando inchioda bruscamente in prossimità delle strisce pedonali: al di là del vetro, immobile, li fissa una donna con un cappotto rosso...

“Attenta a quello che desideri, perché potresti ottenerlo”, avvisa il Gatto che accompagna Coraline nella sua strana avventura in un mondo parallelo nel famoso romanzo fantasy di Neil Gaiman. Questa frase continuava a tornarmi in mente mentre procedevo nella lettura di Torna da me, in cui i protagonisti sono quattro adolescenti, diversi per carattere e aspirazioni, ma tutti accomunati da un rapporto conflittuale con i genitori, in particolare con la madre. Ed è proprio questo scontento – senza voler troppo anticipare di quello che è un romanzo dall’intreccio sicuramente avvincente – che sarà l’origine delle disavventure dei quattro ragazzi. Davvero ricominciare tutto daccapo e azzerare il passato può essere la soluzione ai nostri problemi? O dobbiamo solamente accettare difetti e debolezze di ognuno – genitori compresi – costruendo giorno dopo giorno le fondamenta per un rapporto equilibrato e duraturo? Un libro non solo per ragazzi questo di Luigi Ballerini, medico e psicoterapeuta dell’età evolutiva che scrive di scuola e di educazione, e che tiene numerosi incontri tra genitori, ragazzi ed insegnanti sia nelle scuole che nei centri culturali. E se è vero che i parenti non si scelgono e che il legame di sangue non è garanzia di amore e condivisione, è altrettanto vero che solo lo sforzo comune e costante può nel tempo farci comprendere come “non esistono figli perfetti e tantomeno genitori perfetti, modelli assoluti e irreali da rincorrere. Esistono invece donne e uomini, più o meno avanti nella loro esperienza di vita, che hanno bisogno di conoscersi, apprezzarsi, sopportarsi, accettarsi, correggersi, aggiungerei amarsi”. E lo capiranno a proprie spese anche i giovani protagonisti del romanzo di Ballerini, in una avventura che sarà percorso di crescita e che farà capire loro quanto ogni giorno possa essere un nuovo inizio, basta volerlo.



0

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER