Un taxi chiamato fedeltà

Un taxi chiamato fedeltà
Avere nove anni negli Stati Uniti non è facile se sei coreana, parli poco l'inglese e hai dovuto lasciare la tua migliore amica a Pusan quando i tuoi genitori hanno deciso di trasferirsi in cerca di una vita migliore. La vita di Ahn Joo (nome che si pronuncia con la A aperta, “come dopo aver bevuto un sorso di limonata ghiacciata” e non “Enn”come la maestra coi denti storti si ostina a dire) è divisa tra la scuola, dove tra una solitudine quasi autoimposta e la curiosità tipica dell'età, assimila poco a poco lo stile di vita americano, e la casa, dove le tradizioni coreane sono ancora vive ed è costretta ad assistere con impotenza all'inesorabile sgretolamento (con tanto di urla, recriminazioni e pianti) del rapporto tra i genitori. Un giorno tornando da scuola, Ahn Joo vede le madre salire di corsa su un taxi trascinando con sé il fratellino Min Joo in lacrime. La destinazione le è ignota. Gli unici indizi a sua disposizione sono la scritta FEDELTÀ sul fianco del taxi e un bigliettino dove la madre le assicura che sarebbe ritornata per riprenderla, affermazione alla quale la bambina si attaccherà negli anni a venire.Ahn Joo attraversa l'adolescenza, un periodo critico per tutti, senza il punto di riferimento materno, ed è combattuta ogni giorno tra il sogno americano e il padre, portavoce della più testarda tradizione coreana, riuscendo ciononostante a trovare la sua strada...
Un taxi chiamato fedeltà é la prima, e al momento unica, opera della scrittrice coreana Patti Kim, emigrata negli Stati Uniti all'etá di quattro anni. Una storia sulle difficoltà di diventare grandi in America soprattutto per chi è straniero, diverso e per questo il più delle volte escluso, e che trova la sua forza soprattutto nel suo essere in parte autobiografica, aggiungendo quel punto di autenticità che la rende interessante e non prevedibile. Se infatti la trama in linea generale può sembrare quella di un tipico romanzo sui pregiudizi e l'esclusione, l'abbondanza di dettagli rende la costruzione dei personaggi principali, Ahn Joo e il padre, tutto meno che tipica. Patty Kim ci parla d'identità, non solo in riferimento all'esperienza migratoria (e meno male!), ma soprattutto nel difficile rapporto padre-figlia, offrendoci così una prospettiva del tutto nuova e originale. Un'opera prima veramente riuscita, viene da chiedersi solamente se l'autrice sarà capace di offrirci in futuro un altro personaggio così ben delineato come la piccola Ahn Joo. 

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER