Un uomo bruciato vivo

Un uomo bruciato vivo
Ion Cazacu: un uomo mite, ragionevole ma risoluto nei ricordi dei suoi compagni di lavoro; un uomo ustionato a morte ma dotato di una forza sovrumana, come lo ricordano i medici che lo hanno tenuto in vita per un tempo che ha travalicato ogni previsione; capace di denunciare il proprio assalitore con voce chiara, stentorea ma senza alcun odio, come appare nei verbali di polizia. Un omone, un gigante buono, un ostinato, la cui perseveranza lo ha portato, nella Romania di Ceausescu, fino alla laurea in Ingegneria, come lo ricorda sua figlia; un uomo sensibile, che soffre degli stereotipi che condannano i suoi connazionali alla peggiore delle discriminazioni, ad una vita di schiavitù senza diritti per racimolare il minimo necessario alla sopravvivenza della famiglia che non deve sapere, non deve immaginare quanto dura sia la vita al soldo di un “donatore di lavoro” violento, razzista, truffatore, psicotico fino alla follia omicida…
È un monumento alla memoria, quello costruito da Dario e Florina, una celebrazione garbata che si serve essenzialmente dei ricordi per ricostruire non solo la vita e la morte atroce di Ion Cazacu, il piastrellista rumeno bruciato vivo a Gallarate il 14 marzo del 2000  dal suo datore di lavoro italiano Cosimo Iannece, condannato a 30 anni per omicidio, pena poi ridotta a 16 anni. Celebra anche le vite spezzate delle sue familiari, in particolare quella di Florina che, come suo padre, ha attraversato i Balcani col cuore colmo di speranza e dopo una breve illusione proprio come è successo a lui ha subito la più cocente delle umiliazioni, il diritto diventato  “rovescio” , la giustizia negata. È un esercizio faticoso, che richiede un allenamento spossante, quotidiano, quello del tenere in vita i ricordi, ma Florina sembra ne abbia fatto una missione, vi si dedica come un’adepta a un culto, incurante delle conseguenze per la propria salute, determinata ad affrontare i suoi personali mulini a vento pur avendo scelto di vivere in un Paese come l’Italia, dedito alla sistematica rimozione e manipolazione dei ricordi.

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER