Valentino

Valentino
I volti pallidi di Serapia e Sabino sono uniti, guancia a guancia. L'avambraccio destro di lei è appoggiato al petto di lui. Nel sarcofago che li racchiude entrambi solo qualche moneta, una ciotola di terracotta ed il corredo nuziale. Valentino non riesce a distogliere lo sguardo da quei corpi esanimi. Quella stessa morte che li aveva strappati alla vita come teneri fiori nel pieno della loro primavera, nulla aveva potuto sul loro amore. Intatto, limpido, evidente anche dal loro letto tombale. Nessun attento osservatore avrebbe potuto dire diversamente. In quanto vescovo, Valentino deve procedere alla benedizione ed alla sepoltura ma quei giovani sembrano averlo trasportato altrove. Sembra afflitto da una specie di torpore visionario che lo riporta indietro nel tempo, ai suoi anni giovani, alla sua primavera del cuore...
La festa di San Valentino ricorre annualmente il 14 febbraio. Le sue origini affondano probabilmente nel IV secolo, quando fu istituita allo scopo di sostituire la festa pagana dei Lupercalia. Fu poi diffusa dai benedettini, primi custodi della basilica dedicata al santo di Terni. Se si fa eccezione per la data della morte e martirio o per la sua elezione a vescovo, la maggior parte delle notizie riguardanti la vita di Valentino è avvolta dal mistero, quando non da vere e proprie leggende. Scrivere un romanzo che lo vede come protagonista è certamente un esercizio interessante. Purtroppo, però, il racconto procede lentamente, reso spesso noioso dalla continua presenza di citazioni. Prese, per ammissione dello stesso autore, dai più disparati contesti, alcune delle quali smaccatamente riconoscibili e anacronistiche in un contesto come quello narrato. Quando Monicelli diceva che non era necessario inventare ma bastava guardarsi intorno, non credo volesse intendere che è lecito copiare pedissequamente le opere altrui, quanto piuttosto sottolineare che occorre fare della meraviglia della realtà un'opera immaginifica. E in questo romanzo mancano sia l'immaginazione che l'accuratezza storica.

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER