Viaggio in Portogallo

Viaggio in Portogallo
Traduzione di: 
Genere: 
Editore: 
Articolo di: 

Viaggia in lungo e in largo, il portoghese che decide di viaggiare nel suo paese. Si dispiace che la povera gente comune - quelli che non possono notare ogni cosa che nota lui - non sappia e non saprà mai le meraviglie che si nascondono nei paesini più sperduti che decide di visitare in un autunno particolarmente colorato. Egli riporta i nomi dei personaggi illustri, i fiumi e le montagne che attraversa, quelle che gli sembrano le strutture architettoniche rilevanti – siano dolmen, castelli, cattedrali o palazzi. Antiche storie e leggende consumate, santi e martiri, sculture ingiustamente abbandonate come il nome di una certa Madonna che solo dopo si rivela provenire dall’Egitto. Accompagnato da guide e custodi, sono poche le località che salta e cui non dedica nemmeno una visita fugace: è consapevole che un viaggio comporta sempre difficili scelte, e segue semplicemente il proprio istinto…
La premura descrittiva del Nobel per la Letteratura 1998 José Saramago, scrittore, poeta, drammaturgo e operatore editoriale in Portogallo, fa sì che le emozioni scaturite da questo pur interessante viaggio restino un po’ tra le pagine per le quali è stato concepito. La narrazione in terza persona - “il viaggiatore” protagonista è l’alter ego dello stesso Saramago – non aiuta in questo senso. Soprattutto, visitando essenzialmente chiese e antichi templi cristiani, l'autore compie un viaggio metaforico – non manca una visione demoniaca con annessa tentazione, e tentato furto, di statue - che non è tanto semplice apprezzare, se non si conosce e non si subisce il fascino della tradizione cristiana. Tuttavia, avendo molto tempo a disposizione per la visita del paese degli azulejos, questo libro può essere una preziosa guida d’autore.

0

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER