Vinpeel degli orizzonti

Vinpeel degli orizzonti

Vinpeel medita sul da farsi, ora che è riuscito finalmente ad avere un contatto con Mune, la giovane ragazza bionda piombata dal nulla a Dinterbild in una notte buia e tempestosa, come sempre accade da quelle parti quando arriva qualcuno probabilmente dalle sconosciute terre dell’Altrove. Ora bisogna capire chi sia veramente questa bella bambina dai capelli affascinanti, lei che è stata adottata dalla donna più bella ed altera del luogo. Chissà che ne penserà Padre Earl, il confessore indomito ed infaticabile di Vinpeel, anche se il ragazzo si mette a nudo quotidianamente, perché nel corso della sua confessione vuole anche carpire consigli sulla vita terrena, oltre che le giuste punizioni per i suoi peccati, tutto sommato veniali. Nel frattempo nella comunità proseguono le normali e rituali ricorrenze, il gioco del lancio del nano, le ubriacature o magari le feste nella indistruttibile “Locanda Biton”, il cui nome deriva da una storia di lavori mal effettuati sull’insegna. In ogni caso tramite saggi espedienti appositamente congeniati con l’amico Doan, bisogna scoprire assolutamente cosa si cela dietro misteri inspiegabili, dalle luci del mare alla storia della gamba di legno che il suo padrone ha gettato via nel mare. Krisheb è creduto pazzo, ma chissà mai che si siano sbagliati ed invece potrebbe avere risposte alle domande anche dopo il suo gesto incomprensibile…

Magico, fiabesco, a volte sin quasi a sfiorare addirittura l’esoterico, ma senza incombenti riti satanici o disastri universali. Tutto è apparentemente usuale e normale, tranne che l’imponderabile diviene forma e sostanza. Un non-luogo con i confini del microcosmo appartato: se preferite uno spazio di una geografia mentale e non fisica, dove accade anche l’impossibile eppure la vita è fatta di rituali gesti quotidiani, talmente tipici e consueti che spesso diventano accettabili anche nella loro piena surrealtà. Nessuna traccia di onirismo, solo realismo magico, senza per forza voler scomodare quello che viene definito un genere che ha fatto epoca quando fu coniato per etichettare la narrativa di Gabriel García Márquez, qui assolutamente estraneo e distante come toni, temi e stile. Più che altro la scrittura ha notevoli assonanze lessicali e stilistiche, direi innegabili, con Baricco, almeno quello degli esordi scintillanti e lontani di Castelli di rabbia ed Oceano mare. Anche la struttura risente profondamente di quell’influsso, ma i risvolti sono comunque originali ed ariosi. Si respira libertà, anche se la vita offre purtroppo tante difficoltà da affrontare ed allora ci affidiamo alla capacità innegabile di una scrittura che sa suggestionare.



0

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER