World War Z

Autore: 
Traduzione di: 
Editore: 
Articolo di: 

Futuro lontano. Sono passati solo dieci anni dalla fine della guerra contro gli zombi, dalla pandemia di resurrezioni che ha rischiato di portare la razza umana all'estinzione. Per la relazione su quei tragici eventi della Commissione per il dopoguerra delle Nazioni Unite sono state raccolte decine di testimonianze che non sono poi state utilizzate nel documento finale, ma che finalmente vengono rese pubbliche. Sfilano davanti ai nostri occhi medici intervenuti nei luoghi dei primi focolai in Cina, contrabbandieri tibetani che contribuirono involontariamente a diffondere il contagio, membri di commando militari utilizzati in operazioni antidroga talmente turbati dallo scontro con gli zombi da voler ritirarsi a vita monastica dopo la guerra, il direttore della CIA, il comandante supremo delle Forze Alleate in Europa, e poi scienziati, politici, gente comune. Le loro parole sono tasselli di un enorme mosaico che racconta la guerra contro gli zombi dall'inizio all'allucinante epilogo...

Max Brooks - figlio di Mel e della splendida Ann Bancroft – con l'ironico Manuale per sopravvivere agli zombi già edito da Einaudi e questo World War Z segna un punto di non ritorno nella narrativa horror. Due libri originalissimi, rivoluzionari nell'approccio e nello svolgimento, capaci di trasformare uno dei topoi più abusati (e a rischio-luogo comune) del genere – le orde di zombi contagiosi affamati di carne umana da eliminare colpendoli al cervello – in qualcosa di inedito, sorprendente, elettrizzante. Due libri capaci di entrare dalla porta della letteratura mainstream non più in punta di piedi e bersagliati da sguardi di disapprovazione, ma da protagonisti. La forma-reportage permette a Brooks di astrarsi dal vincolo dell'azione, di piegare tempo e spazio a piacimento, di ricorrere a stilemi da scrittura 'alta' emozionanti e coinvolgenti. E al tempo stesso di infarcire le finte interviste di idee fantastiche, come lo spietato Piano Arancione del Governo sudafricano che segna la svolta in una guerra apparentemente persa e salva l'umanità (ma a quale costo!), l'epico racconto della disfatta militare di Yonkers (davvero una delle scene di battaglia più vivide e coinvolgenti mai scritte), la visione di una Corea del Nord da anni e anni tutta rifugiata sottoterra in cunicoli, forse ormai abitati solo da zombi affamati. Immaginate uno splendido reportage giornalistico dal fronte mixato con lo Stephen King più sanguinario, quello vero, quello degli inizi. Da restare a bocca aperta. Dal romanzo nel 2013 è stato tratto uno sgangherato film per la regia di Marc Forster e interpretato da Brad Pitt e Mireille Enos.



0

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER