L’agenda dello scrittore

L’agenda dello scrittore
Se sei un giovane autore magari alla prima esperienza narrativa, dovresti sapere che ogni mese dell'anno può rappresentare per te e per il tuo romanzo l'occasione imperdibile per farti conoscere ed apprezzare. Un festival letterario piuttosto che un concorso o qualche incontro d'autore o un reading pubblico diventano imprescindibili appuntamenti da non mancare. E così dal Modena Buk festival a marzo passando per la fiera dei librai ad aprile, arrivando al fatidico Salone Internazionale del Libro di Torino a maggio fino alla fiera della piccola e media editoria, Più libri più liberi, che si svolge a dicembre nella capitale, le tappe da marcare per lo scrittore in erba devono essere ben contrassegnate nella sua personalissima agenda. Date, orari, luoghi, redazioni di giornali, eventi, persino il nécessaire da mettere in borsa per il viaggio, tutto deve essere meticolosamente e rigorosamente programmato e pianificato, perché solo così il viaggio per un romanzo ed il suo autore, a maggior ragione sconosciuto, può e deve cominciare...
Se sei un scrittore in erba che ha appena realizzato il sogno di veder pubblicato il suo romanzo ma non hai la più pallida idea di dove cominciare per iniziare a promuoverlo, niente panico. Questo agile e-book della scrittrice partenopea Tiziana Iaccarino è la soluzione che fa per te. Mese per mese la Iaccarino snocciola infatti non soltanto gli eventi più importanti del mondo editoriale ma anche i suggerimenti su come districarsi tra agenti letterari, scrittori, librerie, uffici stampa, social network e  tutto quel dorato mondo letterario che fin'ora hai solo potuto osservare dal di fuori e nel quale adesso, volente o nolente, devi necessariamente tuffarti. Perché - piaccia o no - il libro al netto del suggestivo profumo artistico è, nelle mani dell'autore che lo deve far conoscere, un puro e semplice prodotto di consumo e dunque come tale va innanzitutto trattato. Quindi, caro esordiente, da oggi borsa in spalla, faccia tosta e Agenda dello scrittore nella tasca. Perché come saggezza popolare impone, dopo la bicicletta, ora tocca pedalare!

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER