Mistero di Natale

Mistero di Natale
La signora Fade ha organizzato la cena di Natale per i suoi due figli, Mark e Richard; la domestica Mary ha già preparato tutto, e del profumo della gallina al forno è piena ogni stanza della casa. Ci sarà anche Charles, il suo nipote prediletto, con l’elegante e raffinatissima moglie: uno di quei momenti “caldi” e belli di per sé, ma in cui si coglie anche l’occasione per tenere unita una famiglia altrimenti divisa dai rancori dell’infanzia. Che rischiano di saltar fuori quando, nel buio della notte, un boato costringe tutti a svegliarsi e a scendere di sotto: cos’è stato? Dov’è finito suo figlio? E chi è quello sconosciuto che la notte di Natale viene a bussare alla sua porta?
Arianna M. Romano, alla sua prima esperienza narrativa, confeziona un racconto giallo che ha dimensioni e pretese contenute, che si legge volentieri, anche per le notevoli illustrazioni originali in bianconero della stessa autrice, che lo arricchiscono. L’atmosfera da villetta di campagna inglese, con tanto di cammeo per la Christie in apertura, fa da sfondo alla storia di una vecchia alle prese con i problemi della sua età. A parte qualche piccola incertezza (il signor Heal che inizialmente si rivolge alla protagonista dandole del “voi”; poi, d’improvviso e senza motivo, parte con il “lei”), si tratta di un lavoro godibile; dalla cui autrice è legittimo aspettarsi per il futuro - dopo questa esplorazione quasi laboratoriale dello stile classico - qualcosa di più personale.

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER