Sulla Francia

Sulla Francia
«Dobbiamo esser riconoscenti alla Francia per aver coltivato il gioco con maestria e ispirazione. Da lei ho appreso a non prendermi sul serio se non al buio e, in pubblico, a prendermi gioco di tutto». Difficile - e pericoloso - generalizzare, ancor di più etichettare uomini, gruppi, nazioni intere. Ma se è vero che i popoli hanno un’anima propria, allora quella della Francia è vicina alla leggerezza: da quella della filosofia (tanto graziosamente affidata alla boutade) a quella più quotidiana e superficiale, “messa con talento nelle cose da niente”. Il proverbiale buon gusto francese - estetico, culinario, ecc. - nasce da qui; e da qui, ancora, nasce il più grande merito (e il più grande peccato) della Francia: la socievolezza…
Il romeno Emil Cioran alle prese con il Paese che lo ha ospitato, e che lui ha fatto proprio (a partire dalla lingua) fino a venir riconosciuto come uno dei più grandi scrittori in lingua francese del Novecento. Alla ricerca di una propria nuova collocazione, e di punti di riferimento in una mentalità tanto diversa da quella natia, Cioran concepisce la Francia come una «società felice», che rifiuta il Mistero e la cui gente è nata per parlare: “da soli si annoierebbero”. Una lettura piacevole e non impegnativa, che pur chiama in causa Novalis e Baudelaire, Shakespeare e Voltaire. Con un nutrito apparato critico, per la cura di Giovanni Rotiroti.

 

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER