A nozze col delitto

A nozze col delitto
Una coppia della Milano 'bene' sta per convolare a nozze in una villa in Toscana: si tratta di Ludovica Malinverni - una avvenente giornalista trentenne - e Vittorio Aldobrandi, un rampante e brillante avvocato. A luglio nella città svuotata dalle ferie, mentre la coppia si prepara al grande passo, qualcosa non va per il verso giusto: il futuro sposo viene trovato morto nel suo lussuoso appartamento. Delitto perfetto? Sarà compito dell’ispettore Sebastanio Rizzo e del suo assistente De Carlo scoprirlo. L’indagine si rivela ben presto uno spinoso labirinto di omertà e misteri e mentre il cerchio piano piano si stringe intorno all’assassino nulla è nessuno sono come sembrano…
L’autrice, di professione giornalista, è qui al suo secondo romanzo dopo un noir, La morte fa notizia, che vedeva come protagonista sempre l’ispettore Rizzo. La suspence certo non manca, ma nella narrazione non mancano neanche ingenuità sia nella costruzione dei personaggi (forse in alcuni casi troppo stereotipati) che nei dialoghi (a dire il vero con qualche scambio prevedibile di troppo). Comunque nonostante qualche angolo che sicuramente sarà smussato nel prossimo volume della serie, la vicenda fila via liscia e piacevole, baciata da un lieto fine in cui il colpevole viene assicurato alla giustizia e al quale le cronache odierne non ci hanno più abituati. Un giallo che potremmo definire patinato, più vicino al cinematografico Sotto il vestito niente (la pellicola degli anni ’80 con la bellissima modella Carol Alt come protagonista) che ad Agatha Christie, per capirci. L’ispettore protagonista è bello, affascinante, tenebroso – in una intervista l’autrice ha dichiarato di 'vedere' nel suo personaggio l’attore Gioele Dix - e ha un rapporto conflittuale con il sesso femminile: più che l’inflazionato Montalbano mi ricorda in parte l’ispettore Santamaria de La donna della Domenica di Fruttero e Lucentini. Una Milano 'da bere', quella descritta dalla Ingrosso, che non inebria fino in fondo ma che quasi sicuramente si trasformerà in una fiction di successo.

Leggi l'intervista a Lucia Tilde Ingrosso

 

 

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER