A cena con Lolita

A cena con Lolita
Una ragazzina di tredici anni intreccia una relazione sessuale e sentimentale col suo professore di Matematica e Scienze, padre di una sua amichetta. La relazione va avanti nel segreto per anni, anni nei quali la ragazza lavora di nascosto come modella per pittori e fotografi e vive numerose avventure sessuali. Ma il fondo deve ancora essere toccato, e questo succede quando la ragazza inizia a lavorare come 'animatrice' in un sordido locale notturno...
I memoriali più o meno autentici di teenager disinibite sono senza dubbio il fenomeno italiano degli ultimi anni, e non solo in libreria, come gli incassi del film tratto dal best-seller di Melissa P. insegnano. Ora è il turno della 25enne pugliese che si nasconde sotto l'esotico pseudonimo di Eva Clesis (a meno che naturalmente non si tratti di un attempato editor in cerca di fortuna): propone un romanzo disinibito nelle atmosfere ma garbato nel linguaggio, che strizza l'occhio più a Nabokov (come suggerisce l'altrimenti poco comprensibile titolo) che al porno-chic. Il ritratto di una ragazza che vive con angoscia il rapporto con i genitori, con il suo corpo, con il cibo, con gli uomini, e che sembra percorrere la strada del degrado con indolenza, quasi come se nulla potesse scalfire lo strato di corteccia che la avvolge tutta, che la difende, che la nasconde.

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER