Le avventure di Tom Sawyer

Le avventure di Tom Sawyer
Tom sta ascoltando ancora una volta la storia del pirata Kidd dalla bocca del vecchio Muff, l'ubriacone del villaggio, quando suo fratello piccolo corre a chiamarlo: zia Polly lo vuole immediatamente da lei. Ad aspettarlo c'è una bella punizione: ridipingere tutto lo steccato per aver marinato la scuola. Ma l'astuto ragazzino non ha nessuna intenzione di fare il lavoro e convince due amici a farlo per lui senza che zia Polly se ne accorga. È proprio quel pomeriggio che Tom vede per la prima volta Becky, la ragazzina che si è trasferita da poco in città e che, qualche giorno dopo, potrà finalmente conoscere tra i banchi di scuola. Ma un bambino che si rispetti non può occuparsi solo di questioni amorose! Una notte Tom con il suo amico Huck vanno al cimitero per sperimentare un nuovo metodo per curare le verruche, a base di gatti morti e parole magiche, ma dentro il camposanto i due ragazzini si accorgono di non essere soli e, dopo essersi nascosti, assistono nientemeno che a un omicidio...
I due ragazzi scalmanati Tom Sawyer e Huckleberry Finn tornano insieme in un fumetto liberamente tratto dal capolavoro di Mark Twain tutto francese ma dal sapore decisamente orientale. Infatti se Jean-Luc Istin, autore dei testi, viene d'Oltralpe così come i fratelli Julien e Mathieu Akita autori dei disegni, a leggere questo Le avventure di Tom Sawyer sembra di guardare un anime. Tutto, dagli inconfondibili occhioni giganteschi dei personaggi alle espressioni dei volti, dalla qualità dei colori utilizzati fino alle inquadrature delle vignette, ricorda lo stile dei cartoni animati made in Japan. Tra tesori di pirati, fantasmi e assassini da scoprire le avventure dei due ragazzini della Lousiana scorrono sotto gli occhi del lettore ad un ritmo veloce ed incalzante, anche grazie alla scelta di riempire la pagina, di grande formato e piacevole da sfogliare (e odorare), con numerose vignette che si incastrano alla perfezione in un susseguirsi serrato di inquadrature. Il volume, che in Francia è uscito in quattro parti separate, riesce a mantenere la freschezza e la vivacità dell'originale americano, unendole all'agilità e all'immediatezza del linguaggio fumettistico. Che sia anche grazie a pubblicazioni come questa che il vecchio Twain riesce ancora a mietere nuovi lettori?

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER