Chi è senza peccato non ha un cazzo da raccontare

Chi è senza peccato non ha un cazzo da raccontare
“Fare poesia è come fare l’amore, non/ saprai mai se la tua gioia è condivisa…”Milano che distrugge, che aliena. Milano metropoli dispersiva:”… una città che si nutre di/ solitudini e disperazione: Milano./ Cercare  di capire come si diventa/ grandi a Milano è come cercare / di capire come si diventa biondi a Copenhagen… /… I profumi sono anonimi, come le facce/ e le facce sono incredibilmente fiere/ perché guardano l’Italia dall’alto.” Viverla in questo modo porterebbe solo dolore e alienazione, bisognerebbe quindi, qualche volta, andare contro corrente: “mi piace pensare positivo/ sorseggiare una birra fresca/ guardare indietro e vedere il futuro/ sentirsi un evaso all’ora dell’aperitivo./ È bellissimo./ Andare a dormire/ mentre la città si sveglia.” Poi lo vedo, un uomo solitario e triste che cerca di parlare d’amore:” Domani/ cancellerò le mie impronte/ dalla strada che mi ha portato a te/ butterò giù l’amore amaro/ che ha reso dolce le salite/ ruberò il tempo al desiderio/ e manderò in esilio la ragione”… 
Vincenzo Costantino è il cantore di una città che non ha ricambiato fino in fondo l’amore che lui le ha dato, come una tortuosa storia d’amore con una donna bellissima che non riesce ad amarti. Un orco buono che si muove sbilenco in quartieri assolati, l’asfalto gommoso che si scioglie sotto le suole delle scarpe, osservando estasiato stradine nascoste e la vita che lì si consuma. Indagatore di sentimenti, centellina le emozioni che sgorgano prepotenti da dentro, da quella parte dell’anima che nascondiamo agli altri. Perché i peccatori impenitenti hanno sempre qualcosa di vero da raccontare. Noi possiamo solo rimanere fermi, seduti su una panchina, lo sguardo perso su Piazzale Lodi e la testa bloccata su sensazioni ormai perdute. Il giusto epitaffio dell’uomo-poeta è racchiuso in queste righe: “Oggi ho camminato senza desideri,/ho camminato per abbassare la/ pressione./ Ho guardato quello che c'era intorno/ ed era tutto immediato. /Nei vicoli c'era quel che rimane di ogni /sabato /qualunque / l'espressione dei cani di quartiere/ e la disperazione nascosta dietro ogni/ panchina. / C'erano i sogni di quando ero bambino / e bambini privi di sogni ,/ mamme che elegantemente aspettavano/ che i loro figli diventassero grandi/ per poter tornare/ alla loro adolescenza mancata./ Questo era quello che si vedeva / in maniera distratta e assente./ Questo è quello che la città ti dice/ in maniera distratta e assente./ Questa era la mia realtà./ Ecco perché scrivo in maniera/ immediata./ Ecco perché scrivo senza maniera./ Ecco perché scrivo./ Quello che vedo/ è quello che vedo. / Il resto è letteratura”.

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER