Quando il film è molto peggio del libro

Articolo di: 

I film sono spesso destinati ad essere considerati “peggiori” dei romanzi da cui sono tratti. La verità è che i primi andrebbero visti prima di leggere i secondi, perché nella lotta tra l’immaginario che ognuno di noi si crea durante la lettura e la trasposizione cinematografica l’esito è abbastanza scontato. Questi sembrano essere i casi più eclatanti di film peggiore del libro: voi cosa ne pensate?




▼ Nel 1996, sull’onda della fama di un giovanissimo Leonardo Di Caprio, Baz Luhrmann gira Romeo + Juliet, una delle peggiori rivisitazioni del celebre testo teatrale di William Shakespeare Romeo e Giulietta, ambientata in una improbabile Venezia anni ‘90.

▼ Enorme successo di critica e di pubblico il film del 2005 Le cronache di Narnia. Ma sono molti i puristi che lo ritengono nettamente inferiore al romanzo omonimo di C.S. Lewis.

▼ Christopher Paolini, l’autore del fantasy Eragon, pare abbia scritto il romanzo con l’intenzione di vederne subito una versione filmica. Ma tanti suoi fan non hanno apprezzato il film omonimo del 2006 diretto da Stefen Fangmeier.

▼ Uno dei romanzi più belli di Nathaniel Hawthorne, La lettera scarlatta, ha avuto una trasposizione cinematografica nel 1995 diretta da Roland Joffé, con l’interpretazione, tra gli altri, di Demi Moore, Gary Oldman e Robert Duvall. Nonostante gli ottimi incassi, il film ha collezionato un numero ragguardevole di Razzie Awards (dall’espressione “to razz”: “spernacchiare”).

Io & Marley è un film del 2008 diretto da David Frankel, basato sullomonimo romanzo autobiografico di John Grogan, ma sono in tanti a non ritenerlo all’altezza.

Guida galattica per autostoppisti è un film del 2005 diretto da Garth Jennings, ispirato alla celebre serie in sei puntate ideata per la radio della BBC dallo scrittore britannico Douglas Adams e poi trasposta in volume dallo scrittore stesso. Il film rimase in cartellone una sola settimana nonostante il successo del libro, e alla maggior parte dei fan di Adams non piace.

Un amore all’improvviso, film del 2009 di Robert Schwentke con Rachel McAdams e Eric Bana, oltre a cambiare immotivatamente nella versione italiana il titolo del romanzo La moglie dell’uomo che viaggiava nel tempo di Audrey Niffenegger, modifica la storia originale e apprezzatissima dai fan in una vicenda da commedia sentimentale. Bocciato.

▼ Ha ottenuto critiche che vanno dal grande entusiasmo alla peggiore stroncatura, e ovviamente quelle più pesanti sono arrivate da personalità appartenenti alla Chiesa Cattolica. Parliamo del film Il codice da Vinci del 2006, diretto da Ron Howard e basato sull’omonimo bestseller di Dan Brown.



Escludi Ads Google: 
 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER