Herbert George Wells: utopia, donne ed entertainment

Articolo di: 

Il britannico Herbert George Wells ‒ spesso sulla copertina dei suoi libri campeggiano solo le iniziali H.G. ‒ nasce ultimo di quattro figli il 21 settembre 1866 a Bromley, nel Kent, nella famiglia un po’ strana messa su da suo padre Joseph (negoziante poco fortunato e giocatore professionista di cricket a basso livello) e sua madre Sarah (ex domestica). A otto anni Herbert si frattura una gamba, e l’ozio forzato nei molti mesi della convalescenza gli fanno scoprire la lettura, per la quale sviluppa una bruciante passione.




Il ritiro dai campi di cricket del padre getta la famiglia in una grave crisi economica, e nel 1880 il più piccolo degli Wells inizia a lavorare come apprendista presso un negoziante di tessuti, al “Southsea Drapery Emporium”. La mamma deve tornare a servizio (a Uppark, una lussuosa dimora di campagna del Sussex) e questo fa naufragare il suo matrimonio, perché le impedisce di fatto la convivenza col marito per molti anni. Herbert intanto passa da un lavoro saltuario all’altro, fino a quando nel 1883 trova un impiego come “assistente maestro” presso la Midhurst Grammar School e l’anno successivo vince una borsa di studio in Biologia alla Normal School of Science (più tardi diventerà il Royal College of Science di South Kensington, oggi parte dell’Imperial College of London) che gli dà l’opportunità di seguire le lezioni di Thomas Henry Huxley. Sono anni di povertà ma anche di grande passione culturale e della scoperta della politica e dell’ideale socialista.

Sul “The Science School Journal” ‒ oltre ad articoli sulla società e sulla letteratura ‒ pubblica la primissima versione del suo La macchina del tempo. Nel 1887 perde la borsa di studio ma si iscrive al College of Preceptors e ottiene un prezioso diploma, oltre a un Bachelor of Science in Zoologia grazie all’University of London External Programme. Vive per un periodo dalla zia paterna Mary, e si invaghisce della figlia di lei, sua cugina Isabel, che sposa nel 1891 ma lascia nel 1894 dopo essersi innamorato di una sua allieva, Amy Catherine Robbins, sposata a sua volta l’anno successivo. Amy Catherine, prima di morire nel 1927, gli darà due figli: George Philip e Frank Richard. La loro a quanto pare era una “coppia aperta”, o meglio le scappatelle extraconiugali di Herbert erano tollerate senza problemi: tra i flirt più famosi dello scrittore Margaret Sanger, Elizabeth von Arnim, Amber Reeves (dalla quale ebbe una figlia) e Rebecca West (dalla quale ebbe un figlio).

Per mantenere la sua famiglia Wells lavora come insegnante elementare presso una scuola privata, la Henley House School a Kilburn. Nel 1895 comincia ad arrivare la fama come scrittore: si susseguono romanzi e racconti, tra tutti quelli di argomento fantascientifico (ad esempio L’uomoinvisibile del 1897 e La guerra dei mondi del 1898)spiccano per genialità. Anche le opere di non fiction riscuotono un grande successo, tra tutte Breve storia del mondo, che in sostanza inventa la divulgazione storica presso il grande pubblico. Nel 1933 con il racconto The Shape of Things to Come (del quale esiste una memorabile versione cinematografica con due titoli diversi, Nel 2000 guerra o pace? o La vita futura) Wells profetizza lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale nel gennaio 1940 (sbagliando di soli quattro mesi!) e nel 1936 lancia l’idea di una Enciclopedia mondiale consultabile da tutti e in continuo aggiornamento (Wikipedia?). Personaggio conosciuto a livello europeo e mondiale anche per il suo ruolo di presidente del PEN International, Wells era ‒ lo si scoprì nel dopoguerra ‒ nelle liste di epurazione naziste in caso di vittoria del III Reich. Da sempre diabetico, H. G. Wells fonda nel 1934 l’associazione Diabetes UK, tuttora attivissima. A 79 anni, nel 1946, lo scrittore muore per cause non specificate a Londra: viene cremato e le sue ceneri sono sparse in mare.

I LIBRI DI HERBERT GEORGE WELLS



 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER