Staff

David Frati
Direttore

Sì! Doretta Doremì, la Stella del Polo! Aveva gli occhi splendenti come stelle e il suo cuore era freddo come il ghiaccio della tundra, il solo ghiaccio vivo che abbia mai visto - Carl Barks (Zio Paperone e la Stella del Polo, 1953)

Alessandra Farinola
Caporedattore

Noi che abbiamo l’anima moriamo più spesso - Emily Dickinson (Poesie, 1862)

Raffaello Ferrante
Caporedattore

Tanto, il sole è già alto e noi non ti possiamo salvare - Dino Buzzati (Un amore, 1963)

Alessio Malta
Caporedattore

E se tutto fosse una verità affatto diversa, senza Dei né uomini né ragione? – Fernando Pessoa (Il libro dell’inquietudine, 1982)

Lorenzo Strisciullo
Caporedattore

Considerate la vostra semenza: fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza - Dante Alighieri (Inferno, 1309 circa)

Renzo Brollo
Redattore

Un mondo di nozioni disordinate prese dai suoi libri affollava la sua immaginazione - Miguel de Cervantes (Don Chisciotte, 1605)

Gian Paolo Grattarola
Redattore

Codesto solo oggi possiamo dirti: ciò che non siamo, ciò che non vogliamo - Eugenio Montale (Ossi di seppia, 1925)

Maria Ferragatta
Redattore

Senza dubbio risusciteremo, senza dubbio ci rivedremo, e con gioia e allegrezza ci racconteremo tutto il passato - Fëdor Dostoevskij (I fratelli Karamazov, 1880)

Gianfranco Franchi
Redattore

Da ragazzo ho giurato a me stesso di rimanere fedele alla mia giovinezza: un giorno ho cercato di mantenere la parola. - Drieu La Rochelle (Récit segret, 1961)

Mattia Insolia
Redattore

Non chiederti di cosa ha bisogno il mondo... Chiediti che cosa ti rende felice e poi fallo. Il mondo ha bisogno solo di persone felici. - Antoine De Saint-Exupéry (Il piccolo principe, 1943)

Cristiana Carnevali
Redattore

Quando non sai cos’è, allora è jazz. - Alessandro Baricco (Novecento, 1994)

Giulia Sperini
Redattore

Considerate se questo è un uomo Che lavora nel fango Che non conosce pace Che lotta per mezzo pane Che muore per un sì o per un no. - Primo Levi (Se questo è un uomo, 1947)

Eleonora Giudici
Redattore

Non ci accorgiamo mai che c’è una pagina nel libro che non riusciamo a capire, la più bianca, la più inutile, e invece è quella per cui tutto è stato scritto. Perché non riusciamo a vederla? - Stefano Benni (Achille piè veloce, 2003)

Renato Galasso
Redattore

Fai virare di bordo, queste sono acque infide! Mi chiedo cosa si possa venire a cercare in un isola come questa - Sergio Toppi (Isola gentile, 1987)

Sara Camaiora
Redattore

Forse la cosa migliore sarebbe dimenticare di avere ragione o torto sulla gente e godersi la vita. Ma se ci riuscite, beh, siete fortunati - Philip Roth (Pastorale americana, 1998)

Fabio Napoli
Redattore

E tutti a quel paese! Che sapevano essi della gloria d’un garofano rosso? - Elio Vittorini (Il garofano rosso, 1948)

Annarita Celentano
Redattore

Avere una vocazione noi stessi, conoscerla, amarla e servirla con passione: perché l’amore alla vita genera amore alla vita - Natalia Ginzburg (Le piccole virtù, 1962)

Romina Arena
Redattore

Tutto è già stato detto, ma poiché nessuno ascolta, occorre sempre cominciare da capo - André Gide (Il trattato di Narciso, 1891)

Serena Ugolini
Redattore

A certain kind of seriousness in a girl can cancel out looks - Alice Munro (Runaway, 2004)

Giovanni Pannacci
Redattore

A Quentin Tarantino interessa guardare uno a cui stanno tagliando un orecchio; a David Lynch interessa l’orecchio - David Foster Wallace (Tennis, tv, trigonometria, tornado e altre cose divertenti che non farò mai più, 1997)

Milena Lazier
Redattore

La meravigliosa sensazione di essere libera, lieve e pura, di non appartenere a nessuno tranne che a lei stessa anzi neppure a lei bensì a qualcosa di più bello, alla musica, alla danza, alla poesia - Dino Buzzati (Un amore, 1963)

Giulio Papadia
Redattore

Puoi dire alla gente la verità, ma nessuno ti crederà fin quando non accadrà il fatto. Quando ormai è troppo tardi. Nel frattempo la verità non avrà altro effetto che quello di irritare loro e far passare a te un sacco di guai - Chuck Palahniuk (Survivor, 1999)

Giulia Dattilo
Redattore

Io ti direi che probabilmente mi sono persa di nuovo e tu cercheresti di consolarmi, ricordandomi una dopo l’altra tutte le cose belle e i momenti preziosi dell’estate; mi diresti: non ti sei solo persa, sei stata anche ritrovata, sono tante le volte in cui lo sei stata - David Grossman (Che tu sia per me il coltello, 1998)

Francesca Briga
Redattore

Le relazioni tra le persone non si possono imparare. Non appena le si capiscono, sono finite - Zelda S. Fitzgerald (Lasciami l’ultimo valzer, 1932)

Elena Torre
Redattore

Le onde cadevano, si ritraevano e cadevano di nuovo, con lo scalpitio sordo di un grosso animale - Virginia Woolf (Le onde, 1931)

Amarilli Novel
Redattore

È uno scherzo, uno scherzo, tutto uno scherzo - Elsa Morante (La Storia, 1974)

Paola Biribanti
Redattore

Semplificare è un lavoro difficile ed esige molta creatività - Bruno Munari (Da cosa nasce cosa, 1981)

Elisabetta Della Vigna
Redattore

Era diventato il loro angelo reciproco: un lettore. Senza di lui, il loro mondo non esisteva. Senza di loro, lui rimaneva imprigionato nello spessore del suo - Daniel Pennac (Come un romanzo, 1992)

Lorenzo Coppolino
Redattore

La gente ha paura di buttarsi nel traffico delle autostrade a Los Angeles. È la prima cosa che sento dire al mio ritorno in città. Questa frase non dovrebbe infastidirmi, ma non riesco a togliermela dalla testa. Inquietante. Nient’altro sembra avere importanza - Bret Easton Ellis (Meno di zero, 1985)

Amalia Lauritano
Redattore

There is no charm equal to tenderness of heart - Jane Austen (Emma, 1815)

Gabriele Ottaviani
Redattore

Poi continuò: Non indugiare così, è irritante. Hai deciso di partire, e allora vattene. Perché non voleva che lo vedessi piangere. Era un fiore così orgoglioso - Antoine de Saint-Exupéry (Il piccolo principe, 1943)

Carla Colledan
Redattore

Oggi mi sento molto vecchio e molto stupido, per le cose che ho fatto in passato e quelle che devo fare ora. L’esperienza è una cazzata, una cosa che non esiste, un bacio che non sveglia da nessun sonno. È utile per cambiare una lampadina o imbiancare una stanza o prendere un gatto senza farsi graffiare. Per il resto, è sempre la prima volta - Giorgio Faletti (Tre atti e due tempi, 2011)

Raffaella Galluzzi
Redattore

Mai, mai dimenticare chi sei, perché di certo il mondo non lo dimenticherà. Trasforma chi sei nella tua forza, così non potrà mai essere la tua debolezza. Fanne un'armatura  e non potrà mai essere usata contro di te - George R.R. Martin (Il trono di spade, 1996)

Paolo Calabrò
Redattore

La verità è che gli imbecilli ci rovinano la vita. E, contrariamente a un’idea molto diffusa, non sono recuperabili. Una sola cosa può indurli non dico a cambiare, ma almeno a restarsene tranquilli: la paura. Io voglio che sappiano che li sorveglio - Carl Aderhold (La strage degli imbecilli, 2007)

Ofelia Sisca
Redattore

Un topo, caduto in una trappola, si dibatteva furiosamente: «Niente equivoci», disse il topo a quelli che stavano a guardarlo: «io non mi batto contro la trappola, che va benissimo, ma per la cattiva qualità del formaggio» - Ennio Flaiano (La solitudine del satiro, 1973)

Laura Volpe
Redattore

L’ufficiale sulla porta disse: Prego. Fece un piccolo saluto col capo. Parve misurare il silenzio. Poi entrò - Vercors (Il silenzio del mare, 1942)

Ilaria Antonini e Barbara Balduzzi
Redattore

“Secondo la formica”, pensò lo scoiattolo, “si può scrivere una lettera a chiunque, magari alla pioggia, o al caldo, o alla notte” - Toon Tellegen (Lettere dello scoiattolo alla formica, 1995)

Daniela Bardoscia
Redattore

Le vie rosse che sembrano profilarsi oltre il tramonto - Claudio Magris (Danubio, 1986)

Francesco Clemente
Redattore

Il pensiero mi viene perché lo prendo in parola - Karl Kraus (Detti e contraddetti, 1909)

Giulia Krajcirik
Redattore

C’era una volta un giovane che desiderava ardentemente soddisfare le proprie brame. E fin qui, per quanto riguarda l’inizio del racconto, non v'è nulla di nuovo (poiché ogni storia, passata o futura, che narri di un giovane potrebbe cominciare alla stessa maniera). Ma... – Neil Gaiman (Stardust, 1999)

Luca Lampariello
Redattore

Camminare, uscire perché è uscito il sole, uscire, prendere un paese, passarci dentro, non dire nulla del giorno - Franco Arminio (Geografia commossa dell’Italia interna, 2013)

Angelo Piero Cappello
Redattore

La scrittura, l’arte del verbo, è veramente fra tutti i giochi mentali il più compiuto: di là dalla pittura, di là dalla scultura, continua l’opera di creazione e dà forma al mistero estraendolo dalla tenebra per esporlo alla luce piena – Gabriele d’Annunzio (Cento e cento e cento pagine del libro segreto di Gabriele d’Annunzio tentato di morire, 1935)

Fabio F. Centamore
Redattore

Se riuscire a dimenticare è segno di sanità mentale, il ricordare senza posa è ossessione e follia - Jack London (Il vagabondo delle stelle, 1915)

Paolo Pappatà
Redattore

Mi contraddico, forse? Ebbene mi contraddico (sono vasto, contengo moltitudini) - Walt Whitman (Foglie d’erba, 1855)

Angela Antonini
Redattore

Ti saranno tuttavia più utili di ogni discorso scritto la viva voce e il trovarci a vivere insieme: conviene dunque che tu ti immerga nella realtà della situazione, anzitutto perché gli uomini credono più agli occhi che alle orecchie, poi perché la via che si snoda attraverso i precetti è lunga, mentre breve e produttiva è quella segnata dagli esempi - Seneca (Lettere a Lucilio, 65)

Sonia Argiolas
Redattore

Non è mai troppo tardi per farsi un’infanzia felice - Tom Robbins (Natura morta con picchio, 1980)

Serena Calabrò
Redattore

Non ci accorgiamo mai che c'è una pagina nel libro che non riusciamo a capire, la più bianca, la più inutile, che è invece quella per cui tutto è stato scritto. Perché non riusciamo a vederla? - Stefano Benni (Achille piè veloce, 2003)

Eleonora Cocola
Redattore

Nel bel mezzo dell'inverno ho infine imparato che vi era in me un'invincibile estate - Albert Camus (L’estate, 1954)

Luca Benedetti
Redattore

Il congegno appariva spaventosamente complesso, e questa era una delle ragioni per cui sulla pellicola di plastica nella quale era avvolto erano stampate a caratteri grandi, che ispiravano fiducia, le parole NON FATEVI PRENDERE DAL PANICO - Douglas Adams (Guida galattica per gli autostoppisti, 1979)

Serenella Corvo
Redattore


La ricchezza come un vino vecchio aveva lasciato cadere in fondo alla botte le fecce della cupidigia - Giuseppe Tomasi di Lampedusa (Il Gattopardo, 1958)

Giulia Velluti
Redattore

E come avrebbe condiviso i loro piccoli dolori e avrebbe goduto delle loro semplici gioie, ricordando la sua infanzia e i giorni felici dell’estate - Lewis Carroll (Le avventure di Alice nel Paese delle Meraviglie, 1865)

Luca Addabbo
Redattore

Io sono vivo, voi siete morti - Philip K. Dick (Ubik, 1969)

Marianna Morosin
Redattore

Gradiva le differenze: forse per questo viaggiò tanto - Jorge Luis Borges (Il manoscritto di Brodie, 1971)

Carlo Dojmi Di Delupis
Redattore

Mi sveglio. Subito cerco di capire dove mi trovo. Me lo chiedo perfino ad alta voce: Che razza di posto è questo? Ma è una domanda superflua. Prima ancora di formularla so già la risposta. Questo posto è la mia vita - Haruki Murakami (Dance Dance Dance, 1988)

Dalila Borrelli
Redattore

Tu suonerai, ragazzina. E mangerai e dormirai e andrai a spasso. La vita la si deve prendere all’ingrosso, altrimenti se ci fai troppo le pulci non si salva nessuno - Mariapia Veladiano (La vita accanto, 2011)

Marianna Loy
Redattore

Stupidità dei possessori di barche! la faccia di culo della cosiddetta bella gente! c'è più vita nel mio rintanarmi ad elastico dentro e fuori il mio guscio che in questi riti fissi di chi esce per divertirsi - Aldo Busi (Grazie del pensiero, 1995)

Federico Sabatini
Redattore

Partoriscono a cavallo di una tomba. La luce brilla per un attimo, e poi è di nuovo notte - Samuel Beckett (Aspettando Godot, 1952)

Sabrina Glorioso
Redattore

Noi fummo i Gattopardi, i Leoni; quelli che ci sostituiranno saranno gli sciacalletti, le iene; e tutti quanti gattopardi, sciacalli e pecore continueremo a crederci il sale della terra -
Giuseppe Tomasi di Lampedusa (Il Gattopardo, 1958)

Eleonora Bellini
Redattore

Tre anni per fare un libro, cinque righe e citazioni sbagliate per metterlo in ridicolo - Albert Camus (Carnets, 1962)

Mattia Pasquini
Redattore

“Cosa ti aspettavi?” sospirò Ursula. “Il tempo passa”. “Così è”, ammise Aureliano, “ma non tanto” - Gabriel García Márquez (Cent’anni di solitudine, 1967)

Angelica Graziano
Redattore

Scrivere è sempre nascondere qualcosa in modo che venga poi scoperto - Italo Calvino (Se una notte d’inverno un viaggiatore, 1979)

Flavio Camilli
Redattore

Sono felici! Sbadigliano - Dino Buzzati (Poema a Fumetti, 1969)

Norina Wendy Di Blasio
Redattore

Ciò che oggi scriviamo sulla lavagna, domani lo cancelleremo - Bertolt Brecht (Vita di Galileo, 1938)

Raffaella Romano
Redattore

Ma le cose straordinarie succedono. Io lo so bene. Per questo le credo. A un tratto, per qualche ragione, si creano degli strani collegamenti tra le cose - Haruki Murakami (Dance Dance Dance, 1988)

Mariangela Taccogna
Redattore

È certo che non siamo tanti. Non siamo dalla parte dei più. E mai lo saremo - Nevzat Çelik (I due presupposti della protesta, 2010)

Valerio Calzolaio
Redattore

Sante parole. Perché mai dovrebbero importare le famose “impressioni” su di un libro letto? Svelarle è come rompere l’intimità che si è creata tra libro e lettore, assolutamente da non fare - Daniel Pennac (Come un romanzo, 1992)

Serena Adesso
Redattore

Non sono niente. Non sarò mai niente. Non posso voler d’essere niente. A parte questo ho in me tutti i sogni del mondo - Fernando Pessoa (Tabaccheria, 1928)

Sebastiano Del Rosso
Redattore

Uno deve stare sempre dalla parte di quelli che ama - David Nicholls (Noi, 2014)

Orazio Paggi
Redattore

Quelli che mi lasciano proprio senza fiato sono i libri che quando li hai finiti di leggere vorresti che l'autore fosse un tuo amico per la pelle e poterlo chiamare al telefono tutte le volte che ti gira - J.D. Salinger (Il giovane Holden, 1951)

Maria Cristina Coppini
Redattore

Il verbo leggere non sopporta l’imperativo, avversione che condivide con alcuni altri verbi: il verbo amare, il verbo sognare - Daniel Pennac (Come un romanzo, 1992)

Marco Braggion
Redattore

Dovunque tu vada, ti sarà richiesto di fare cose che ritieni sbagliate. È una condizione costante della vita quella di essere costretti a violare la propria identità. Una volta o l'altra, ogni creatura vivente si trova costretta ad agire così. È l'ultima ombra, la disfatta della creazione. Questa è una maledizione che alimenta tutta la vita. Dappertutto nell'universo - Philip K. Dick (Ma gli androidi sognano pecore elettriche?, 1968)

Luca Benvenga
Redattore

La rivolta nasce dallo spettacolo dell’irragionevolezza, davanti a una condizione ingiusta e incomprensibile - Albert Camus (L’uomo in rivolta, 1951)

Lisa Puzella
Redattore

In questa fase verrà superata la distinzione storica tra lavoro fisico e lavoro intellettuale e la concezione borghese del diritto. Allora finalmente la società potrà scrivere sulle sue bandiere: “Ognuno secondo le sue capacità, a ognuno secondo i suoi bisogni” - Karl Marx (Critica del Programma di Gotha, 1875)

Marialaura Rossiello
Redattore

I “se” sono il marchio dei falliti! Nella vita si diventa grandi “nonostante” - Massimo Gramellini (Fai bei sogni, 2013)

Francesca Griffa
Redattore

Tu credi nella magia, non è vero? Questo è sicuramente uno dei motivi per cui ti trovi qui. Ogni mondo ha bisogno di qualcuno che crede nella magia. Per avere la certezza che non venga dimenticata da quelli che non ci credono - Terry Brooks (Mago a metà, 1988)

Cinzia Sposato
Redattore

Quelli che mi lasciano proprio senza fiato sono i libri che quando li hai finiti di leggere vorresti che l'autore fosse un tuo amico per la pelle e poterlo chiamare al telefono tutte le volte che ti gira - J.D. Salinger (Il giovane Holden, 1951)

Annalisa Scarpa
Redattore

Oh che altra vita vorreste rifare? La vita ch’ho fatta io, o quella del principe, o di chi altro? O non credete che io, e che il principe, e che chiunque altro, risponderebbe come voi per l’appunto; e che avendo a rifare la stessa vita che avesse fatta, nessuno vorrebbe tornare indietro? – Giacomo Leopardi (Operette morali, 1835)

Giovanna Fiore
Redattore

Cosa significa viaggiare e a cosa serve viaggiare? Qualsiasi tramonto è il tramonto; non è necessario andare a vederlo a Costantinopoli. E il senso di libertà che nasce dai viaggi? Posso averlo andando da Lisbona a Benfica e forse con un’intensità maggiore di chi va da Lisbona in Cina, perché se la libertà non è in me non la troverò da nessuna parte - Fernando Pessoa (Il libro dell’inquietudine, 1982)

Cinzia Ciarmatori
Redattore

Perché l’animale non dev’essere misurato con l’uomo. In un mondo più antico e più completo del nostro, essi si muovono perfetti e compiuti, dotati dell’estensione dei sensi che noi abbiamo perduto o mai ottenuto, ubbidendo a voci che non sentiremo mai. Non sono confratelli, non sono subordinati, sono altre nazioni, impigliati insieme a noi nella rete della vita e del tempo - Henry Beston (The Outermost House, 1928)

Benedetta Ferrucci
Redattore

E qua, come un sasso che porto ovunque, c'è un pezzetto di cuore altrui che ho conservato da un vecchio viaggio - Peter Cameron (Il weekend, 1994)

Erminio Fischetti
Redattore

Vorrei dire: in quella casa senza bellezza, lontani per qualche ora dall’orizzonte basso del lavoro, il desiderio di parlare un po’ di quello che è accaduto, di ascoltare, di rallentare il tempo prima del sonno, per stare ancora insieme, ora, vorrei dire, siete nel più alto. E non c’è vertigine più grande di quella di sentire di esserci - Giuseppe Munforte (Nella casa di vetro, 2014)

Sara Cabitta
Redattore

Lo stiletto dell’ironia causa più dolore del manganello dell’insolenza - William Somerset Maugham (Il mago, 1908)

Andrea Di Carlo
Redattore

Il Roederer aveva quel sapore che la Russia deglia zar attribuiva al lusso francese: la felicità mi riempì la bocca. [...] Il cameriere aveva portato le noccioline, il che denotava un curioso senso dei valori. Come leggere Turgenev ascoltando Il ballo del qua qua - Amélie Nothomb (Petronille, 2015)

Antonio Farinola
Redattore

La risposta è 42 - Douglas Adams (Guida galattica per autostoppisti, 1979)

Mario Sellitri
Redattore

Gli altri si vantino delle pagine che hanno scritto. Io sono orgoglioso di quelle che ho letto - Jorge Luis Borges (Poesie 1923-1976, 1980)

Chiara Del Rosso
Redattore

Io trovo sempre la risposta giusta cinque minuti dopo e poi mi rifaccio il dialogo da sola - Muriel Barbery (L’eleganza del riccio, 2006)

Michela Meloni
Redattore

La sottomissione riscuote successo. La nostra soddisfazione più grande consiste nel veder sfilare ogni tipo possibile di esseri addomesticati. Per questo c'è tanta gente al passaggio dei cortei reali - Victor Hugo (L’uomo che ride, 1869)

Irene Mazzali
Redattore

Tutte le vite che potremmo vivere, tutte le persone che non conosceremo mai, o che non saremo, sono ovunque. È questo il mondo - Aleksandar Hemon (Il progetto Lazarus, 2008)

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER