Salta al contenuto principale

111 luoghi di Londra che devi proprio scoprire

111 luoghi di Londra che devi proprio scoprire

Londra è la capitale del Regno Unito. Fondata col nome di Londinium dai romani intorno al 43 d.C., ha vissuto una continua espansione nel corso dei secoli, fino a diventare una metropoli e il maggior centro del commercio verso le Indie Orientali e quelle Occidentali già ai tempi dell’Impero britannico. È la città dove vive la Regina, dove i Beatles hanno registrato i loro maggiori successi negli studi di Abbey Road, dove durante gli swinging Sixties Twiggy sfoggiava la minigonna per le sue strade e l’Italia ha conquistato l’ultimo campionato europeo di calcio battendo l’Inghilterra ai rigori al Wembley Stadium. Ma oltre i classici itinerari turistici Londra ha infiniti angoli nascosti. O, almeno, ne ha 111. Alcune di queste chicche si trovano nei quartieri più centrali della città, altre facendo delle piccole puntate più o meno in periferia. Dopo aver passeggiato con il naso all’insù per Belgrave Square, ammirando gli edifici in stile classico, con le colonne e le facciate di stucco bianco, si passa al moderno skyline della City osservato dal Waterloo Bridge (non lontano dal Westminster Bridge dal quale, nel 1802, William Wordsworth scriveva “La terra non ha niente di più bello da mostrare”), per poi placare lo stomaco con una tappa al Borough Market, perdendosi in un vero e proprio melting pot di cucina locale ed esotica. Per gli amanti del romanticismo ottocentesco sarà possibile pranzare, insieme agli impiegati della City, tra le lapidi di Bunhill Fields e fare la conoscenza di John Keats, accomodato su una panchina in una delle nicchie dell’Old London Bridge posta nel giardino del Guy’s Hospital. O ancora, senza prendere un aereo o una macchina del tempo, ci si troverà a passeggiare tra le strade di Beirut o nell’antica Roma semplicemente azzeccando la giusta fermata della Tube...

John Sykes, britannico di nascita ma residente a Colonia, in Germania, è autore di numerose guide turistiche sulle British Isles. Per questo volume si è avvalso delle fotografie di Birgit Weber, tedesca, che in passato ha curato le illustrazioni e la parte fotografica di molte guide sulla città di Londra, capitale che ama particolarmente per la sua ricchezza culturale e il suo particolare mix di storia e modernità. In questo volume viene promessa la scoperta di 111 luoghi che non si trovano nelle guide turistiche convenzionali come Buckingham Palace, il British Museum, il Big Ben o Piccadilly Circus. Si tratta, infatti, di posti insoliti, non convenzionali, segreti e caratteristici, che faranno conoscere al lettore la capitale più cool d’Europa meglio dei Londoners. I luoghi consigliati sono sicuramente curiosi. Per ognuna delle 111 esperienze (in realtà, per una scaramanzia legata al cricket raccontata nell’esperienza n. 55 dedicata allo stadio Lord’s Cricket, dalla n. 110 si passa direttamente alla n. 112) vengono indicati storia, leggende ad essa legate, curiosità, le fermate del trasporto pubblico più vicine, gli orari di apertura e qualche altro luogo interessante da visitare nei dintorni. Nel complesso si tratta di consigli gradevoli, a volte indicati in maniera non del tutto chiara (“...girate a destra, proseguite un po’ più avanti, girate di nuovo a destra e vi troverete di fronte a un cancelletto...”), ma forse anche questo fa parte del gioco. Il tutto per scoprire qualche angolo della città lontano dalle classiche mete pullulanti di turisti, per vivere una Londra un po’ più privata e, sicuramente, sempre magica.