Salta al contenuto principale

Ali d’argento

Ali d’argento

Faye sorseggia il caffè appena fatto mentre osserva Julienne nuotare senza braccioli nella loro piscina sotto lo sguardo un po’ apprensivo della nonna materna e avvertendone lo sciabordio e le risate ancora prima di uscire all’aperto. Il casolare antico acquistato a Ravi è esattamente come lei lo voleva, arredato grazie all’aiuto di uno dei migliori architetti italiani e a una buona dose di pazienza e dedizione, e con un panorama mozzafiato. Inoltre, è appollaiato su una collina tra le viti a una ventina di minuti di passeggiata da un piccolo paese con poco più di duecento abitanti, a volte qualche turista – nessuno dei quali svedese – condizioni che favoriscono il suo anonimato, requisito fondamentale: in Svezia è una celebrità, ma in Italia deve continuare a essere una sconosciuta. La figlia ha ormai sei anni, è bella, sana e felice, tutto quello che una madre desidera per i propri figli, ma soltanto lei e Kerstin sanno che sua madre e sua figlia sono vive, per il resto del mondo son state uccise da chi avrebbe dovuto amarle e questo delicato segreto deve rimanere tale, anche perché Jack, il padre di Julienne, sta scontando l’ergastolo per infanticidio ed è importante che resti in prigione...

Torna Faye Adelheim con la sua Revenge, la società fondata sulle ceneri del marito accusato di omicidio e tornano anche gli altri personaggi de La gabbia dorata di cui non mancano i riferimenti in questo secondo capitolo che, ancor più del primo, esibisce vendetta e rivincita. Non si smentisce Camilla Läckberg in questa nuova serie, con uno stile diretto, crudo, essenziale, senza fronzoli, un turpiloquio ben dosato e scene di sesso esplicite ma accattivanti, a volte appena entro i limiti. Focus della storia è la vendetta contro la misoginia e la violenza nei confronti delle donne, declinata in varie forme: fisica, psicologica, economica, sessuale, contro il maschilismo e la sottomissione femminile. Come nello stile della Läckberg, due linee temporali corrono parallele per poi intrecciarsi fino a fondersi: il passato ambientato a Fjällbacka e narrato in prima persona, ricco di sospesi e di dettagli che si rivelano solo un poco alla volta fino a ricostruire la storia e il presente scritto in terza persona. Incalzante e ricco di colpi di scena, spietato, a tratti crudele, tiene il lettore in scacco e sempre all’erta, e un finale inaspettato e sospeso lascia aperta la possibilità di un nuovo capitolo. Peccato per l’eccesso di femminismo e di girl power a ogni costo e qualche volta fuori luogo, dell’ostentazione di ricchezza e griffes come armi, dell’abuso di luoghi comuni e di un bel po’ di generalizzazione dove le donne sempre belle, intelligenti e sexy devono difendersi da uomini cattivi, stupidi e misogini: lo rendono a tratti paradossale e un po’ superficiale. “Lei non era così: Faye non si arrendeva. Si vendicava”.