Salta al contenuto principale

Animali bellissimi

Animali bellissimi

Da sempre la scienza cataloga gli animali secondo una classificazione rigida e complessa. Ma cosa succederebbe se si usasse un criterio diverso, immediatamente comprensibile, accostando specie molto distanti tra loro ma con in comune una caratteristica significativa? Sarebbe possibile scoprire creature straordinarie dalle inedite somiglianze, animali bellissimi classificati in categorie fantasiose ma ragionate, ironiche ma verificate e rispondere a quesiti buffi come: Che cos’hanno in comune la volpe artica e il pesce pietra? E lo struzzo e l’elefante marino? Diciannove le inedite categorie presenti in questo albo che raggruppa animali con le corna o con i baffi, con gli aculei o con il guscio, con le macchie o con le zanne, con i capelli o con le gambe lunghe, piccolissimi o grandissimi, coloratissimi o luminosi, difficili da vedere, che si gonfiano o che volano ma non sono uccelli, che dormono molto o sfidano la gravità senza essere di un altro pianeta, che vivono più dell’uomo o nella realtà non esistono ma un po’ anche sì, perché si trovano nel mito e nelle storie del folklore popolare...

Illustratrice, pittrice, scenografa per cinema e teatro, docente di bozzetto ed illustrazione Daniela Pareschi collabora con varie riviste, con le pagine del quotidiano “Il Secolo XIX” e ha pubblicato albi illustrati per diverse case editrici. Animali bellissimi, presentato alla Bologna Children Book Fair 2023, è un libro in cui l’albo illustrato si fonde con la divulgazione, la bellezza della natura e l’amore per gli animali. Il risultato è una proposta davvero sorprendente, che tratteggia il mondo animale in modo inedito: al centro una classificazione animale visionaria ed umoristica fatta di diciannove categorie tassonomiche che traggono fondamento da un attributo originale comune agli animali: ad esempio, la volpe artica e il pesce pietra si mimetizzano entrambi con l’ambiente circostante. Il testo e le illustrazioni hanno un registro leggero, irriverente e giocoso ma il rigore dell’albo divulgativo non ne è assolutamente intaccato grazie alla revisione scientifica dei testi da parte dello zoologo Davide Rufino ed alla capacità dell’illustratrice di ritrarre gli animali con grande precisione scientifica, senza cedere alla tentazione di umanizzarli o infantilizzarli. Grazie al suo riuscito mix di giocosità e rigore scientifico questo albo risulta adatto per alimentare la meraviglia e la curiosità di lettori e lettrici di ogni età: si presta a più livelli di lettura potendo conquistare sia il lettore acerbo, curioso di scoprire il mondo che lo circonda, sia l’adulto, più propenso a cercare una chiave di lettura scientifica. “Il mio augurio è che possa far ritrovare lo sguardo bambino che alberga dentro ognuno di noi”, afferma l’autrice.