Salta al contenuto principale

Asteroide urlante

Asteroide urlante

Un pianeta vivente, cosciente ed innamorato del popolo degli Humghar, almeno fino a quando questi non si evolvono in una razza violenta e bellicosa, dedita solo alla conquista ed alla distruzione del loro splendido pianeta. Allora la coscienza del pianeta esplode e fugge nello spazio, una cometa di metallo urlante che nel suo eterno peregrinare cambierà il destino di molte vite nell’universo… Su di una lastra di granito lunga 400 milioni di chilometri quadrati e fluttuante nello spazio si radunano i 500 sommi papi di altrettanti sistemi solari per venerare il più sommo di tutti loro, il papa tricefalo seduto sulla grande Trigaquila dormiente, ma improvvisamente questa, destata dalla luce dell’asteroide urlante interrompe il suo sogno... Fherzat, pianeta popolato solo da macchine e robot, esseri perfetti, ma quando l’asteroide urlante sfreccia sul loro cielo, qualcosa in quella perfezione si spezza e i robot conoscono l’infelicità. L’unico modo per ritrovare la pace è inventare un robocristo che insegni loro l’amore...

Tre esempi degli undici racconti che compongono questa raccolta di Alejandro Jodorowsky, tutte storie brevi pubblicate originariamente (e non a caso) sul periodico Métal Hurlant, una delle più autorevoli riviste francesi di fumetti fantasy e sci-fi. Nel nostro caso trattasi di numeri dei primi anni duemila, ossia del secondo e breve corso (2002-2004) della rivista originale, pubblicata dal 1974 fino alla prima chiusura nel 1987. Nonostante tutti i racconti non siano alla stessa altezza – Il sole eucaristico è abbastanza scontato, se non nella sua burla finale – altri sono vere e proprie perle – il millenario Invasione, L’uovo alchemico, il marqueziano Lacrime d’oro oppure il già citato Chi è il sognatore, forse il più bello di tutti – e Jodorowsky vi infonde sempre quella complessità che apre la lettura a più d’una interpretazione. Proprio per questo sono altrettanto interessanti le brevi introduzioni che Jodorowsky scrive all’inizio di ogni racconto, per spiegarne la genesi e l’intento originali, spaziando dalla religione alla magia, passando per profezie, testi antichi e vizi e virtù dell’umana schiatta.