Salta al contenuto principale

Al lavoro!

Al lavoro!
Che cosa vuoi fare da grande? Quante volte vi sarà capitato di sentirvi fare questa domanda. Proprio come succede sempre al bambino protagonista di questa piccola storia. A lui gliela fanno praticamente tutti. Non solo la mamma e il papà, ma anche la maestra, le colleghe della mamma e persino Antonio il parrucchiere. Solo che rispondere non è facile perché le possibilità sono tante e c'è una gran confusione. Si potrebbe diventare trasportatore come Carlos o avvocatessa come Fatima. Oppure la soluzione potrebbe essere fare come zio Giuseppe, che è partito per la Germania e ha fatto il saldatore in una fabbrica di automobili. Ci sono davvero lavori di tutti i tipi, dove ti devi alzare la mattina presto o la sera tardi, dove devi usare la testa o le braccia...
L'Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro. Così recita il primo articolo della nostra Costituzione e così inizia questo breve libro per bambini, da sfogliare in verticale proprio come un block notes o un quaderno di lavoro. La trama intessuta da Anselmo Roveda, giornalista e scrittore classe 1972 (nonché caporedattore della rivista Andersen) è molto semplice, incentrata sul piccolo protagonista impegnato a capirci qualcosa sul mondo del lavoro di cui sente tanto parlare (soprattutto da sua sorella: laurea, master, tre lingue e contratto in scadenza) e di cui tutti gli chiedono. Un diritto e un dovere, questo benedetto lavoro, che viene raccontato ai più piccoli anche grazie alle illustrazioni di Sara Ninfali. Come nei dipinti di Savinio i personaggi hanno tutti dei corpi umani ma con visi da animali. E allora il mondo del lavoro si trasforma così in uno zoo divertente e colorato, a tratti nostalgico per un mondo che potrebbe essere e che spesso non è. Parafrasando celebri fotografie i disegni dal tratto leggero della Ninfali trasformano così alcuni eroi del lavoro: dai primi astronauti sbarcati sulla luna al ritratto di Pablo Picasso, da Charlie Chaplin tra i due giganteschi ingranaggi al Quinto Stato. A ben vedere però tutti gli animali ritratti nei panni di lavoratori hanno una cosa in comune: si tratta di uccelli. Creature che, se vogliono, possono spiccare il volo.