Salta al contenuto principale

The dad lab

The dad lab

Chi l’ha detto che per far felice un bambino sia necessario acquistare una montagna di giochi? Sono sufficienti pochi ma essenziali ingredienti: un po’ di tempo dedicato, materiale da riciclare presente in casa e tanta, tanta creatività. E allora perché non cimentarsi, con l’aiuto di schede guida, nella realizzazione di progetti e laboratori divertenti che stimolano la naturale propensione alla curiosità dei nostri piccoli? Si parte da una domanda per sperimentare e cercare la risposta. Ma che non sia preconfezionata! Come per la sfida dell’uovo sulla torre: bastano un uovo, un bicchiere d’acqua, un piatto di carta, un rotolo di carta igienica e in venti minuti si scopre il principio d’inerzia. O farsi incantare da qualcosa che non si vede né si tocca ma è capace di spegnere le fiamme: sembra magia ma è solo l’effetto dell’anidride carbonica. Si può anche provare a realizzare del burro, camminare sulle uova o far cambiare colore ad un cavolo. O misurarsi in esperimenti di meccanica, di elettromagnetismo, costruire circuiti elettrici o strumenti musicali inediti, provare nuovi giochi dentro e fuori casa. Avete poco tempo? Nessun problema: “Rapidi” è il capitolo che fa per voi con i suoi giochi-esperimenti di soli dieci minuti. Ce n’è per tutti i gusti. Il solo limite è la fantasia e l’unica regola è divertirsi…

40 esperimenti, 6 sezioni che spaziano dalla cucina alle arti, 720 mila iscritti al canale YouTube, più di 3 milioni di followers sui principali social network: questi alcuni dei numeri di The dad lab, un blog diventato libro che raccoglie l’esperienza di Sergei Urban con i suoi due figli, Max e Alex. Un’esperienza fatta di entusiasmo, divertimento e condivisione. L’autore ha fatto di una passione il suo lavoro: da papà a tempo pieno a inventore di giochi creativi che stimolano la curiosità. E se l’ispirazione nasce dalla vita quotidiana, alla vita quotidiana fa riferimento con l’obiettivo di ispirare i genitori “a trascorrere più tempo con i figli, in modo da accendere la sete di conoscenza e comprensione”. The dad lab però non si limita a suggerire: guida, spiega, accompagna. Ogni scheda, infatti, contiene (oltre ad un titolo accattivante) una domanda di partenza, gli ingredienti necessari a realizzare le attività descritte, l’indicazione del tempo, alcune immagini esplicative e una spiegazione scientifica conclusiva. Gli esperimenti proposti sono semplici e facilmente realizzabili perché destinati a bambini dai quattro anni in su. Ma non facciamoci ingannare: semplicità non è superficialità. Le attività proposte non sono mai banali, il linguaggio è accessibile ma tecnicamente corretto e preciso, lo stile è accattivante ma scientificamente efficace. Il risultato appassiona. E sorprende.