Il pesce rosso numero 14

l pesce rosso numero 14
Ellie ha undici anni e ha da poco cominciato a frequentare la scuola media. Vive con la mamma, stravagante insegnante di drammaturgia e teatro, in una piccola casa. Alla ragazzina mancano la scuola elementare con le sue tranquille certezze e la sua migliore amica Brianna, che si è data anima e corpo alla pallavolo. Le manca anche il suo pesce rosso molto longevo, longevo addirittura quanto tredici pesci rossi! Una sera la mamma ritorna a casa in ritardo, ma non è sola: l’accompagna Melvin, un ragazzo dai capelli lunghi, esile e magro come un chiodo. Il ragazzo ha un’aria familiare e sembra trovarsi a suo agio con loro. Elli lo osserva con curiosità e scopre che porta un vecchio anello dell’università, dall’inconfondibile pietra rossa. Le si accende un ricordo e comprende: quel ragazzo dall’apparente età di tredici o quattordici anni è suo nonno! Un valoroso scienziato che ha scoperto e sperimentato su di sé un modo per “invertire il processo di senescenza”, cioè per ringiovanire.

Irresistibile è nel romanzo la figura del nonno-ragazzino, che veste e parla come un adulto rigoroso, severo e coltissimo (ha due dottorati!), e tuttavia è capace di coinvolgere la nipotina nel suo amore per la ricerca scientifica e nella sua fiducia nella capacità della scienza di cambiare, in meglio, il mondo: “Credi nel possibile!”. Mentre illustra ad Ellie vite e scoperte di scienziati famosi come Einstein, Marie Curie, Oppenheimer, Salk, e ne desta la curiosità nei confronti delle loro vite e delle loro scoperte, il nonno la coinvolge in un’avventura: quella di riuscire ad entrare nel laboratorio in cui l’uomo ha lavorato alla sua scoperta, ma a cui ora, nelle vesti di ragazzino, non gli è permesso accedere. Una storia che invita a non fermarsi alle apparenze perché le cose non sempre sono come ci si fanno davanti al primo sguardo ed è necessario “saper vedere”, osservare attentamente e in profondità: la realtà riserva sempre nuove sorprese, per esempio che i nonni possono essere ricchi di speranze e vivaci di umore come ragazzini. Un solo appunto: Oppenheimer fu tra i principali artefici dello sviluppo della bomba atomica lanciata su Hiroshima e Nagasaki; nel romanzo viene riconosciuta la sua figura di ricercatore, ma mancano considerazioni sul tragico, guerresco uso della scoperta.

Pubblicità

 

Pubblicità

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER