Il pinguino stufetta

Il pinguino stufetta
Stufetta è un pinguino chiamato così per via dei suoi piedi caldi come due stufe. A causa di questo problema il povero stufetta non può correre a giocare sul ghiaccio. E non riesce neanche a nuotare, perché crea una nuvola di vapore che rischia di soffocarlo. Così è costretto a starsene sempre sopra una pietra, mentre gli altri pinguini giocano nell'acqua e nel ghiaccio e lo prendono in giro. Fortunatamente però stufetta ha un bravo zio che tiene a lui. Mario (così si chiama lo zio) sta sempre a curiosare su internet nella base scientifica degli umani, e dopo alcune ricerche nei siti medici scopre che esiste un ospedale che cura la malattia chiamata "dei bambini stufetta". Questo ospedale però si trova dall'altra parte del mondo. Più precisamente a Cuba. E per arrivarci Stufetta dovrà imbarcarsi su una nave che arriva dalla Nuova Zelanda…
Vuoi per la loro buffa andatura, vuoi per la loro incapacità di volare pur essendo dei volatili, i pinguini sono animali che affascinano i bambini, e al giorno d’oggi è sempre più facile ritrovarseli in una storia o un cartone animato. Ma lo stufetta di Marco Briotto (con i disegni di Alessandra Liberato) non assomiglia per niente né agli agili e tecnologici pinguini di Madagascar né ai pinguini canterini e ballerini di Happy Feet. Piuttosto ricorda Pablo, il pinguino freddoloso (cortometraggio Disney del 1945). Come il suo predecessore disneyano infatti anche stufetta è un pinguino diverso dagli altri e anche lui è pronto ad avventurarsi in un lunghissimo viaggio per risolvere i suoi problemi. La meta è più o meno la stessa: un'isola molto più calda del suo habitat naturale. Solo che stufetta, invece di una vasca, viaggia come clandestino a bordo di una grossa nave mercantile. Nonostante la lontananza dal ghiaccio anche ai tropici i suoi piedi caldi lo cacceranno in situazioni bizzarre e divertenti: immerso in un mare di popcorn, nel cerchio di centrocampo della partita Brasile-Italia, fino a rovinare tutti i sigari cubani del primario in stufettologia. Ma fortunatamente, alla fine, troverà chi è in grado di aiutarlo, e scoprirà che in fondo per risolvere il suo problema bastava davvero poco. Un libro educativo per i bambini, ma anche per gli adulti, che riceveranno dei buoni consigli per raccontare nel modo migliore questa bizzarra storia ai loro figli.

Pubblicità

 

Pubblicità

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER