Salta al contenuto principale

Joker

Biagio Natale fa il maestro. È da quando è piccolo che spesso viene chiamato Babbo Natale, perché adora fare i regali. Per questo il primo giorno di scuola porta, a ciascuno dei suoi nuovi alunni di quinta elementare, un pacchetto. Dentro c’è un mazzo di carte, ma non carte qualsiasi! Sul dorso delle carte c’è scritto “jolly” e sul retro ci sono delle frasi: jolly per non andare a scuola, per non fare i compiti, per non andare alla lavagna, per evitare una punizione, o anche jolly per cantare a squarciagola, per ballare in classe o per dare un bacio al maestro. Con il suo vocione, Biagio suggerisce ai ragazzi di usare questi jolly ogni volta che ne avranno bisogno e spiega ai ragazzi che questo è solo il primo dei tanti regali che farà loro, uno al giorno, perché nel corso dell’anno regalerà ai suoi alunni il programma, la grammatica, la matematica e le scienze al pari dei libri e delle parole. Insomma, nonostante la delusione iniziale nel trovarsi davanti quest’uomo con le rughe e i capelli bianchi come “nuovo” maestro, i ragazzi e le ragazze della classe si rendono presto conto che questo è un maestro davvero speciale. Parere non è affatto condiviso dalla Preside, la detestata Candida Peres...

Uscito con Bianconero, ma già pubblicato in Italia nel 2002 col titolo Un mazzo di jolly, Joker è un libro dalla lettura scorrevole, che i bambini di 8 anni potranno affrontare in autonomia, ma che risulterà interessante anche per i loro insegnanti, visti i tanti spunti che potrà trovare chi attribuisce a questo suo lavoro un ruolo formativo essenziale nella vita dei bambini e delle bambine. Il maestro Biagio, infatti, si lascia suggerire nuove idee dalle esperienze di vita e intraprende con i suoi alunni e alunne quello che la didattica innovativa chiamerebbe “dialogo euristico”, mettendo al centro della sua pratica l’ascolto reciproco e la conversazione. È evidente che dietro questa storia c’è la profonda conoscenza del mondo dell’infanzia da parte di Susie Morgenstern, pluripremiata autrice di più di cinquanta libri rivolti a bambini e ragazzi. Come tutti i libri di Biancoenero edizioni, anche questo è stampato con tutti gli accorgimenti e criteri di “alta leggibilità” che lo rendono accessibile anche a chi ha difficoltà legate a disturbi specifici dell’apprendimento.