Lega Anti Bulli - Il lottatore mascherato

Lega Anti Bulli - Il lottatore mascherato

Quando Arnold si sveglia, tutto lascia presagire una terribile giornata: non ha nessuna voglia di alzarsi e così prova la sua arma segreta, ovvero si inventa una malattia qualsiasi per restare a casa. Peccato che la mamma sia medico. Così tocca prendere l’autobus, raggiungere la sua nuova scuola e... sfilare un bigliettino che spunta da sotto lo sportello dell’armadietto. È una minaccia di Calzino Joe, al secolo Johnny Drusmore, il bullo più bullo della scuola media De La Vega. Il nomignolo gli deriva dall’abitudine di rinchiudere le sue vittime nell’armadietto delle scope, in compagnia dei suoi calzini non proprio freschi di bucato. Per ogni ragazzo che ha sottoposto a questo trattamento, ha fatto una tacca sullo sportello del suo armadietto, un po’ come gli scalpi dei pellerossa. E oggi è il turno di Arnold, a quanto pare. Quello che il ragazzino non si aspetta è di essere addirittura il numero cento: una vittima illustre, per così dire. Quando le cose stanno per mettersi male, Arnold finge di scappare in una direzione, per poi lanciarsi in mezzo alle gambe divaricate di Calzino Joe che, preso alla sprovvista, se lo lascia scappare. In un attimo, nei corridoi della scuola è il caos...

Sono quattro i componenti della L.A.B., la Lega Anti Bulli: Nguien, Jamal, Alison e Arnold naturalmente. Chi lo avrebbe mai sospettato? Arnold non è esattamente il ragazzino spigliato e temerario che si associa a un’attività segreta: smilzo, maglietta con supereroi (passati di moda), piuttosto timido, almeno con le ragazze e... insomma, non quello che si dice il più figo della scuola. Ma sono davvero queste le doti necessarie per mettere a tappeto una banda di bulli? Come ci si difende realmente? La Lega Anti Bulli, all’interno del catalogo Lapis, è una nuova serie adatta a lettori dai dieci anni circa che affronta il tema del bullismo con serietà ma leggerezza. Gli autori, coppia nella vita e nella scrittura, sono scrittori di libri per ragazzi e sceneggiatori di cartoni animati. Tema molto presente nella letteratura per ragazzi e bambini, il bullismo è una realtà complessa che spesso si manifesta a scuola, purtroppo con caratteristiche anche più serie di quelle descritte in questi romanzi. D’altro canto, l’effetto apprezzabile è quello di sdrammatizzare il problema e di costruire narrazioni in cui i ragazzini riescono a ristabilire da soli la giustizia e a seminare “i cattivi”, sempre un po’ meno svegli di quelli che di solito si incontrano nel mondo reale. Linguaggio e senso dell’ironia strizzano l’occhio ai più piccoli, anche se le vicende narrate suggeriscono un target preadolescente. Libro ad Alta Leggibilità.



0

Pubblicità

 

Pubblicità

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER