Pensaci bene, Gufetto!

Pensaci bene, Gufetto!

Quando la notte scende sul bosco tutto si fa improvvisamente nero e gli animali assonnati se ne vanno a dormire. Tranne sull’albero dove si trova Gufetto: i suoi grandi occhi gialli brillano nell’oscurità e scrutano con attenzione il paesaggio. Quando cala il buio il piccolo gufo si trasforma in un supereroe con il mantello azzurro, pronto ad aiutare chi si trova in pericolo. Non perde tempo, appena sente un piccolo rumore o vede qualcosa che si muove si getta a capofitto senza ascoltare la sua amica Lumaca che gli consiglia prudenza. Quando, dal suo ramo, Gufetto vede muoversi un cespuglio, spicca il volo e veloce vi si dirige ma non trova nessuno e, per di più, vi rimane incastrato; uno strano rumore lo convince a lasciare di nuovo il suo ramo, ma quando arriva nel punto esatto non trova nessun amico in difficoltà, solo la volpe che stava dormendo, e che adesso si è svegliata di cattivo umore per colpa della sua fretta. È una notte piena di disavventure per il piccolo supereroe che, dopo l’ennesimo sbaglio, capisce che forse Lumaca ha ragione, deve pensare bene prima di buttarsi a capofitto. Quando decide di parlarne con lei però la sua amica non risponde più e Gufetto comincia a preoccuparsi: cosa le sarà successo? Ma questa volta non parte all’improvviso, ci pensa un po’ e poi, piano, plana nell’oscurità alla sua ricerca, finché...

Agire d’istinto come fa Gufetto non è sempre una buona idea, a volte più che risolverli i guai si causano; ma anche starsene seduti a pensare troppo come invece fa Lumaca non è la soluzione migliore. Allora quale sarà la giusta via di mezzo? Una storia semplice, scritta in stampatello maiuscolo, che può essere letta da un adulto al bambino piccolo, oppure diventare una prima lettura autonoma per chi ha da poco imparato a leggere. La storia, che gioca sulle disavventure del piccolo gufo, segue il ritmo della ripetizione degli eventi e questo aiuta a mantenere vigile l’attenzione dell’ascoltatore: cosa succederà ora a Gufetto? Perché Lumaca gli dice sempre di pensarci bene prima di partire? La collana Abbiccì della casa editrice Buk Buk è dedicata alle prime letture, contiene storie semplici e divertenti e si caratterizza per il formato quadrato e la presenza di giochi in appendice alla storia. Anche Pensaci bene, Gufetto! contiene delle piccole attività legate al buio e ai protagonisti, come riconoscere le sagome degli animali, ricomporre Gufetto e Lumaca o trovare la strada giusta del labirinto. La storia di Daniele Bergesio è arricchita dalle colorate illustrazioni a tutta pagina di Andrea Lucci.



0

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER