Salta al contenuto principale

Pensieri di Manon D. su me stessa (e su alcuni altri argomenti)

Pensieri di Manon D. su me stessa (e su alcuni altri argomenti)
Avere quattordici anni è già difficile, se poi la tua famiglia è una di quelle 'moderne' e un po' allargate, allora non hai scampo. Manon si trova esattamente in questa situazione: da una parte c'è sua madre, che dopo il divorzio è diventata di kleenex facile e d'umore fragile; dall'altra invece c'è Paul, suo padre, che si è risposato, portando nella vita di Manon una sorellastra insopportabile e un fratellino adorabile. Il problema, durante l'estate, è che i figli di genitori divorziati si barcamenano per organizzare delle vacanze che, alla fine, nessuno ha voglia di fare: Manon si ritrova quindi sulle coste della Normandia, con la famiglia del padre e la nonna dei suoi fratellastri, con cui deve anche dividere la camera. Per fortuna le cose miglioreranno al rientro, grazie alla provvidenziale presenza del bel nipote dei vicini...
Quello di Manon è un diario: già dall'esterno, la forma di quaderno dà un tocco in più per entrare nella mentalità della protagonista, che farcisce le pagine di disegni, post-it, fotoromanzi improvvisati e pagine strappate. Il tono è ironico e arguto, vagamente insofferente come ogni adolescente; ma il vero pregio di questo diario è l'aderenza realistica con ciò che i ragazzi vivono oggi: ecco quindi che Manon pensa di creare un blog, usa la Reflex, vuole postare commenti sulla pagina Facebook di Julie, la sua migliore amica, manda messaggi a raffica e spegne il cellulare per fare un dispetto alla madre. L'argomento del divorzio (e di come viene vissuto dai figli) è predominante, fino a diventare noioso; lo stesso vale per il modo in cui vengono trattati certi temi, ad esempio la situazione dei supplenti nelle scuole e il riflesso del loro precariato sulla qualità dell'insegnamento: quattordicenni che se ne rendono conto esistono davvero? E, soprattutto, che lo scrivano nel loro diario? Mah. C'è poi il paragone (piuttosto singolare) che l'adolescente fa tra il suo diario e i Pensieri (a cui si ispira il titolo) di Blaise Pascal, filosofo e teologo francese del diciassettesimo secolo: alcuni passaggi dell'opera sono ripresi, confutati e sottolineati, con tanto di ricerca e immagini stampate e incollate. A un certo punto l'autrice lancia un input interessante: “A loro interessa solo quello che diventeremo. Di quello che siamo oggi, qui, in questo momento, se ne infischiano! (…) Sono un'adolescente, non solo un futuro adulto”. E queste, cari genitori, educatori ed insegnanti, sono cose da tenere a mente.