Quanto è piccolo il mondo

Quanto è piccolo il mondo

I giganti – lo sanno tutti! – sono alti, forti e possenti. Ed hanno dei grossi piedoni! La varietà del mondo, per loro, non è una buona cosa: con un passo attraversano i continenti, dall’America all’Australia e, mentre affondano uno dei loro grossi piedoni nel lago ghiacciato della Finlandia, con l’altro calpestano l’eruzione d’acqua bollente di un geyser islandese. A vivere così ci si può prendere un malanno! Senza considerare quando si pungono con la punta della Torre Eiffel! Il viaggio, per i giganti, insomma, è una specie di incubo: cadono nei canali di Venezia ed hanno paura di calpestare i ciclisti ad Amsterdam. Così, quando il nostro gigante scopre la possibilità di indossare degli splendidi scarponi, che proteggono i piedi dal caldo e dal freddo, non si lascia certo sfuggire l’occasione! Ne rimedia un paio e prova a verificare se è vero quello che gli ha detto il suo collega gigante: con gli scarponi ai piedi, si può viaggiare senza neanche accorgersene! In effetti, in questo modo il gigante può viaggiare senza procurarsi vesciche, ma non sente neanche più l’acqua della cascata nel Rio delle Amazzoni, né il solletico dell’erba nelle distese irlandesi...

Formato grande, colori vivaci per le immagini a doppia pagina di Ilaria Perversi; frasi brevi, scritte in stampato maiuscolo, di Angelo Mozzillo. I due si conoscono da tempo e sono alla loro seconda collaborazione: il primo albo, Abita qui Mimì?, è stato pubblicato sempre dalla casa editrice Verbavolant. Tra l’altro Dante e Mimì, i due camaleonti di questa loro prima storia, li ritroviamo in una delle pagine di Quanto è piccolo il mondo, ma solo un occhio molto attento potrà scovarli tra i molteplici animaletti che popolano le strade e i paesaggi attraversati dal gigante – tra gli altri tornano sempre due buffi pellicani, che accompagnano il viaggio surreale del gigante. Anzi dei suoi piedoni, perché il gigante non lo vedremo per intero fino all’ultima, splendida pagina, orientata verticalmente: l’apriamo, con una certa suspense, per scoprire la capa pelata di un gigante “buffo e grassoccio” – così l’illustratrice definisce, in un’intervista su “Lo scaffale indipendente”, le “cose” che ama disegnare. La Perversi ci preannuncia, tra gli altri, due nuovi progetti in cantiere con Mozzillo: “un cartonato per piccolissimi” e uno “a tema ambientale”. Mentre aspettiamo queste due nuove uscite, ci accontentiamo di divertirci con questo albo estroso che affronta direttamente il tema del viaggio, ma trasversalmente “prova a dire che, per apprezzare veramente determinate situazioni, bisogna stare un po’ scomodi”, ci spiega l’autore.



0

Pubblicità

 

Pubblicità

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER