Storia di un gatto e del topo che diventò suo amico

Storia di un gatto e del topo che diventò suo amico
Traduzione di: 
Genere: 
Editore: 
Articolo di: 

Max è un bambino premuroso e sensibile, vive in un appartamento a Monaco di Baviera insieme ai genitori, ai fratelli e al gatto Mix. Mix è un gattino nero con il petto bianco, è vivace e curioso, un giorno si arrampica su uno degli alberi di ippocastano che si trovano fuori dal palazzo e non riesce più a scendere. Max si arrampica per aiutarlo e resta bloccato con lui. Per fortuna una vicina chiama i pompieri e i due imprudenti amici sono tratti in salvo. E pazienza per la ramanzina che il capo dei pompieri gli propina. Max e Mix crescono assieme, si prendono cura l’uno dell’altro, perché “gli amici si danno man forte, si insegnano tante cose, condividono i successi e gli errori”. Max riempie la ciotola del micio e gli pulisce la lettiera prima di andare a scuola. Mix si assicura che i topi non mangino i cereali al cioccolato del bimbo, che si trovano nella dispensa. Poco importa che di topi non ce ne siano. Gli anni passano e Max cresce, studia e diventa un ragazzo indipendente, tanto da decidere di andare a vivere da solo. Bè, non proprio tutto solo, naturalmente il vecchio Mix resta con lui. Ma il tempo trascorso lascia il segno e un giorno Max si accorge che il suo migliore amico è diventato cieco. Che fare? Dopo la visita dal veterinario, la cosa migliore è assicurarsi che nell’appartamento tutto si trovi sempre allo stesso posto, così Mix può muoversi senza incidenti. La cecità lo aiuta a sviluppare al meglio olfatto e udito ed è grazie a questi che, un giorno in cui Max è assente per un colloquio di lavoro, percepisce i passetti di un piccolo topo che scende dalla libreria e si dirige verso la dispensa…

Max e Mix condividono la vita e le esperienze che porta con sé. Il loro rapporto si basa su amicizia e rispetto dei bisogni reciproci, poiché “non è giusto che una persona sia padrona di un’altra persona o di un animale”, ma è giusto che ogni legame si basi su fiducia e cura dell’altro. Con uno stile di scrittura semplice e delicato, Luis Sepúlveda, celebre scrittore e giornalista di origini cilene, racconta come dovrebbe essere il rapporto tra uomini e animali e dedica ai suoi nipotini questo esempio di rispetto e amore, di cui i protagonisti sono i testimoni. Max, Mix e anche il topo Mex. Sepúlveda ammette di amare gli animali e i gatti in particolare e ricorda un aneddoto del suo passato, quando un astrologo cinese gli disse che in una vita precedente è stato addirittura il gatto preferito del mandarino. La storia che offre ai lettori in questo volumetto e in cui traspare una grande tenerezza da parte dell’autore nello scegliere episodi determinanti per mostrare il carattere dei tre amici, è ispirata al rapporto che suo figlio Max ha avuto con un gatto adottato a Monaco presso l’Ente per la protezione degli animali. Quel gatto era proprio Mix. La loro amicizia è stata significativa e di grande valore per il figlio, finché sono stati assieme. E il tempo trascorso in questi casi conta poco, perché “lungo o breve, non importa, perché la vita si misura dall’intensità con cui si vive”. Il volumetto è arricchito dalle simpatiche illustrazioni della pluripremiata artista Simona Mulazzani, già autrice dei disegni del più celebre libro per ragazzi di Sepúlveda Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare.



0

Pubblicità

 

Pubblicità

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER