Salta al contenuto principale

Un gatto nella valigia

Un gatto nella valigia

Un Paese martoriato dalla guerra, gli uomini partiti da tempo per andare a combattere contro il nemico o cercare fortuna in Paesi lontani, le donne rimaste a casa con i figli. Un contesto drammatico costituisce l’inizio di questo albo illustrato, che sembra non avere speranza e dunque finire subito in maniera scontata. “Ovunque rovine, di sogni e di muri. Gravosi i pensieri, confusi e insicuri”. Una mamma capisce che deve partire immediatamente, è troppo pericoloso rimanere ancora, e così avvisa i figli di preparare i propri bagagli, purché ridotti al minimo. Ognuno di loro potrà scegliere qualcosa che li aiuterà a ricordare da dove sono partiti: Zahira porterà con sé album e matite, Kamal il trenino di legno, Maisa la sua bambola, Khalida il suo profumo preferito, Talal il suo peluche, Raya la borsetta con gli strass e la piccola Huda... Huda non sa proprio cosa mettere, nella sua valigia, oltre ai vestiti. Ma ecco che si rende conto che qualcuno rimarrebbe da solo, dopo la loro partenza, il gatto Malik, e così ora non ha più dubbi: porterà con sé il gatto, e senza avvisare la mamma, ovviamente. Il cammino sarà lungo e difficile, per tutti loro, ma il gatto sarà molto utile, perché li aiuterà a trovare cibo in una fattoria abbandonata, a riscaldare le bambine facendo le fusa, persino a ritrovare la strada quando si perderanno. “Ricorda il bagliore dell’arcobaleno che dopo la pioggia ritorna il sereno”...

Una storia che parla di guerra ai piccoli lettori con un linguaggio poetico ed illustrazioni speciali, ma che in realtà parla soprattutto di famiglia e di gatti. Le illustrazioni, su fondi bianchi, raccontano un contesto di rovina e di sofferenza attraverso colori cupi e molto scuri, fatti a collage, e personaggi invece caratterizzati da vestiti molto colorati, tipici di alcune culture e di alcuni Paesi, e volti bianchissimi con grandi occhi. L’autrice siciliana Annamaria Piccione, nota come la signora dei gatti, sempre presenti in ogni sua storia, ha pubblicato moltissimi libri per diverse fasce di età, trattando argomenti come legalità, integrazione, razzismo e guerra. L’illustratrice Monica Saladino, laureata presso l’Accademia di Belle Arti di Palermo, insegna Disegno e Storia dell’Arte.