Salta al contenuto principale

Billy

Billy
Autore
Traduzione di
Genere
Editore
Articolo di

L’età dell’innocenza finisce una volta per tutte quando il sangue schizza contro un albero, gli uccelli volano via dalle cime e l’eco, lentamente, infine si spegne. A detta dello zio Seamus infatti il ricordo non è una cosa che sbiadisce, bensì che si attenua. Le immagini restano, le voci vanno via. Tutto inizia quando un lontano cugino di zio Seamus gli chiede se conosca o meno qualcuno in grado di sistemare una questione di giustizia in cambio di una somma di denaro non indifferente. All’epoca zio Seamus ha vent’anni, è appena tornato a casa da Birmingham, ha assolutamente bisogno di un lavoro e ha un debole per la giustizia. Conosce bene una persona, risponde al lontano cugino, che fa al caso suo: la stessa che ha di fronte in quel momento. Scopre che la domanda di giustizia è sorprendentemente alta mentre l’offerta lascia piuttosto a desiderare. Zio Seamus, col suo fiuto per gli affari, capisce che quella può diventare una nicchia di mercato molto redditizia. Si dà – in quella prima fase in modo un po’ goffo – una falsa identità e comincia cautamente a mettere su l’impresa. Fa degli errori, li corregge, impara, torna sui suoi passi, cade, si rialza e fa ciò che va fatto. Nel corso degli anni la sua reputazione di mandatario capace, prudente e discreto cresce. Senza mai una lamentela…

Billy ha ormai più di trent’anni, e ne sono passati circa quindici da quando è entrato nell’azienda di famiglia, anche se questo per lui non significa né ha mai significato strasene seduto in giacca e cravatta dietro a una scrivania, dato che la ditta dello zio che l’ha cresciuto in Scozia da quando i genitori sono spariti, lasciandogli più o meno solo un giradischi, si occupa di omicidi. E lui ha già risolto una dozzina di casi un po’ dappertutto: in quest’occasione il viaggio è alla volta di Las Vegas, la capitale mondiale del gioco d’azzardo, e quindi del bluff, della dissimulazione, dell’intrigo e dell’inganno. Naturalmente, ne capiteranno di tutti i colori. Questo romanzo, che fonda la sua grandezza sulla riuscita ed equilibrata commistione di generi, sulla caratterizzazione vivace degli ambienti e dei personaggi, sulla trama solida e originale, anche se potrebbe sembrare a un primo sguardo una vicenda piuttosto canonica, è anche un progetto multimediale realizzato dall’enigmatico autore (già lo pseudonimo è parecchio strano, va detto…) di cui circolano pochissime foto e tutte senza volto: si legge con gusto perché è una storia pulp, che strizza l’occhio a Bukowski, Chandler, Soriano e Tarantino.