Salta al contenuto principale

The Boys - La resa dei conti

The Boys - La resa dei conti

New York, 2008. Piccolo Hughie passeggia, mentre il giornalista della radio annuncia che il governo del nuovo presidente Nancy Pelosi sarà solo transitorio, seguiranno durante l’anno le elezioni. In studio è presente un ospite di tutto riguardo, il viceammiraglio Donald Foltz, ex ispettore del servizio sanitario militare che svela agli ascoltatori il segreto dei supereroi: le loro doti non sono date dalla natura, come erroneamente si è pensato fino a questo momento, sono il risultato degli effetti del composto V, una sorta di droga che ha l’effetto di potenziare le prestazioni del corpo umano. Billy il macellaio Butcher, capo del gruppo di avventurieri nominato The boys, che deve tenere a bada i super, nel suo ultimo scontro ha scoperto che il grande Patriota non è altro che un alter ego di Black Noir. In quell’occasione Butcher si è vendicato del leader del gruppo dei supereroi, che in passato aveva violentato sua moglie. Adesso Piccolo Hughie si sta dirigendo dal suo capo per confessargli di aver ucciso A-train e avvertirlo che non se la sente di continuare con la solita vita da vigilante dei super, è stanco di tutta questa violenza. Nella sede centrale incontra gli altri membri del gruppo, Latte Materno, il Francese e la sua femmina, che concordano con lui: ognuno ha cose importanti da fare, non c’è più tempo per continuare a combattere. Così Butcher decide di dare a tutti un lungo periodo di vacanze, affinché possano tornare più motivati di prima, e a Piccolo Hughie concede la promozione che in passato aveva desiderato, adesso è il secondo uomo del gruppo. Ma i compagni non sembrano affatto soddisfatti e anche lo stesso nuovo braccio destro del boss sostiene di averci ripensato. Il macellaio, a dispetto del volere dei compagni, resta irremovibile sulla sua decisione, convinto che in realtà ciò che conta non sono le nomine ma quello che si realizza in missione. Ha voluto solo fare un piccolo omaggio al suo amico Hughie. Intanto alla Vought-american, azienda che ha prodotto i super, i dirigenti si stringono in cerchio per contrastare le accuse che interessano il composto V, ma soprattutto per smentire la notizia che dietro ci fosse la volontà di fornire all’esercito americano soldati super capaci di imprese memorabili. Due di loro abbandonano senza farsi notare la conferenza, sanno bene che se l’inchiesta federale contro la loro azienda avesse esito positivo sarebbero finiti...

Capitolo finale della saga “The boys”, La resa dei conti raccoglie in un volume da libreria gli albi dal numero 66 al 72, dove i vigilantes, che devono proteggere il mondo dai soprusi dei supereroi malvagi e viziati ideati da Garth Ennis, cercano di portare a compimento la loro missione tra contrasti e incomprensioni all’interno del gruppo. Segue il volume 20 che raccoglie una miniserie di otto numeri interamente dedicata alla moglie di Butcher, dal titolo Cara Becky, uscita nel 2020. Fino all’epilogo delle proprie imprese i Boys non tradiscono il loro carattere determinato e ripropongono un comportamento violento, che emerge in più di una occasione, come nello scontro risolutivo tra Latte Materno e Butcher. L’altro tema rilevante nella serie, che Ennis sviluppa fino alle pagine conclusive, è il particolare rapporto tra il capo del gruppo e il Piccolo Hughie, legati da un sentimento di amore e odio. È inevitabile per il macellaio vendicatore avvertire il bisogno di avere al fianco il gracile compagno, ombra alle sue spalle che lo richiama in ogni circostanza alla ragione, sostituto anche a livello emotivo di quel fratello minore perso diversi anni prima. “Ho sempre voluto un fratello minore” è per gli appassionati della serie una delle frasi celebri di Butcher, personaggio controverso a livello psicologico, sempre capace di dimostrare a una società pronta a mangiarsi i deboli in pochi morsi quanto lui sia forte e spietato, ma in certi contesti addolcito da un qualche genere di umanità. Il difficile incontro tra i due personaggi è ben elaborato anche nella serie televisiva diffusa da Amazon Prime ispirata al fumetto di Ennis, ideata da Erik Kripe, che ripropone le vicende alla base della saga: l’uccisione della fidanzata di Hughie da parte del super A-train e la violenza sessuale di Patriota sulla moglie di Butcher. Ma per il resto i personaggi del fumetto vengono reinterpretati, adattati alle esigenze di una versione filmica da diffondere a livello internazionale.