Salta al contenuto principale

Breve storia filosofica della voce

Breve storia filosofica della voce

La voce è vita, è respiro, è una cavità. Per esempio un pianoforte - che comunque produce musica e suono - può essere anche visto, in quanto è un oggetto con una sua tangibile mole, la voce no, è eterea, leggera, impalpabile, invisibile, eppure significativa, connotata come e più di un viso. Parliamo respirando e la voce non veicola solo parole ma il dosaggio sempre mutevole di un soffio che risponde e corrisponde all’emotività, alla varietà delle circostanze, al pensiero, al contesto. L’aria entra e porta la vita, esce in seguito creando la parola, il messaggio. Quando si accorge della propria voce l’uomo con ogni evidenza prova una straordinaria meraviglia e si accorge del fatto che il respirare genera il parlare: la voce dunque prolunga il respiro oltre il corpo e realizza il sogno umano di volare, di trascendere comunque la materia, di uscire dalla terra e dal fango: è quindi altamente probabile che un atto così naturale e al tempo stesso eversivo abbia inizialmente generato sconcerto...

Come un’impronta digitale, la voce è unica e sola, e anche quando ci si cimenta in qualche imitazione la differenza c’è e si vede, o meglio si sente, ci può sembrare uguale, veicolare ricordi, emozioni e sensazioni, ma non è mai medesima: pur essendo incorporea, la voce ha un’influenza profonda e poderosa sia a livello concreto che concettuale nella quotidianità e nell’evoluzione della storia del pensiero, può servire per comandare, è uno strumento di persuasione, è un segnale, ha una sua grammatica. Alcune voci, poi, fanno letteralmente parte dell’immaginario collettivo: ma spiegare bene e in breve che cosa sia la voce, anche magari a chi non ha la possibilità di percepirla, o di sentire la propria, così diversa a seconda del mezzo, così destabilizzante nell’edificazione della consapevolezza di come ci presentiamo agli altri, non è facile. Tuttavia, questo testo dotto e completo, esegetico e riflessivo, vi riesce con asciutta e accessibile eleganza, rappresentando un’ampia gamma di sfumature.