Salta al contenuto principale

Che mostro sei?

Che mostro sei?

Halloween, la festa preferita da Zucchetta, è finalmente arrivata e lei deve decidere quale costume indossare per l’evento. Vorrebbe qualcosa che anche i suoi amici apprezzino, che metta paura per ricevere molti dolcetti e che la rappresenti. Le prime idee le vengono facendo colazione con i biscotti preparati per l’occasione. La scelta è molto varia, ci sono: fantasmi, scheletri, vampiri, lupi mannari, streghe, zombie… Ma quale scegliere? Ognuno di quei personaggi ha delle caratteristiche che le piacciono molto e altre che invece non c’entrano nulla con lei, così l’indecisione regna sovrana. Oltre questo poi il grande problema è il cercare di accontentare tutti, ma, così facendo, si rischia di non scegliere con il cuore. La sera si avvicina e quindi anche il momento di fare “Dolcetto o Scherzetto” per le case del quartiere. Così, per risolvere questo grande dilemma, Zucchetta decide di chiedere aiuto alla sua mamma e, dopo varie ipotesi, capiranno l’unica cosa davvero importante, ovvero scegliere qualcosa che la renda felice e la rappresenti davvero…

Che mostro sei di Beatrice Bassoli è un libro che ha come tema principale la scelta. Scegliere qualcosa che ci rappresenti davvero anche quando dobbiamo mascherarci da cose bislacche. Una sorta di ricerca della propria identità anche attraverso le maschere. Una storia che con leggerezza dice “No” al razzismo, parlando, attraverso delle metafore, del fatto che ogni essere ha i suoi lati positivi e negativi. Un libro scorrevole e dai tratti puliti. Disegni semplici, colorati ed in linea con il target di riferimento, come tutti i libri di Gribaudo. Nota di merito va al gatto di Zucchetta (l’ho davvero amato), molto espressivo nel mostrare i propri momenti di disagio o paura, che faranno sicuramente divertire i bambini. Esilarante anche il riferimento a Rapunzel nella doppia pagina dedicata agli scheletri. Un formato quadrato di grande dimensione che ne valorizza le illustrazioni, mentre per il font è stato scelto un carattere per facilitarne la lettura. Questo libro può essere considerato a metà tra un albo e un fumetto, vista la presenza dei balloon in alcuni momenti della storia.