Salta al contenuto principale

Come scrivere un romanzo di successo

Come scrivere un romanzo di successo

Arthur Ansard è alle prese con gravi difficoltà economiche. Non può pagare i suoi più recenti acquisti e deve trovare in fretta un modo per uscire dalle difficoltà. In particolare, deve saldare la fattura del suo sarto. E allora accetta di fare un lavoro che lo pone di fronte a nuove difficoltà: scrivere per un ignoto acquirente un romanzo di successo. Mentre si arrovella alla ricerca di una soluzione, entra in scena l’amico Barnstaple. Questi, appreso l’accaduto, si dichiara disponibile ad offrire all’amico i suggerimenti per scrivere un romanzo. Magari pessimo, ma alla moda. In modo da stuzzicare i gusti, tutt’altro che raffinati, del pubblico. Comincia così a dettare all’amico una serie di indicazioni che riguardano personaggi, ambienti, vicende. In questo modo è fiducioso di potere confezionare un romanzo completo. Ma restano tante incognite…

Questo agile testo teatrale di Marryat, composto negli anni Quaranta dell’Ottocento e per la prima volta tradotto in lingua italiana, è una satira del gusto imperante tra i lettori ottocenteschi. Ad essi, avidi di novità divertenti, l’autore propone una storia incentrata su un eroe dello stile. Un raffinato uomo di mondo coinvolto in situazioni mondane e più o meno galanti. La tecnica impiegata è quella del dialogo a due, ambientato in un tipico interno borghese. Qui, appunto, lo squattrinato scrittore e il lezioso conoscitore dell’arte romanzesca si incontrano e, parlando e scrivendo, compongono una brillante guida per chi, a quei tempi, volesse cimentarsi nella composizione di un romanzo. Naturalmente, con ironia, e rivelando i meccanismi più o meno segreti della scrittura. La scelta di inserire il testo originale a fronte è certamente felice, perché dà la possibilità di apprezzare la scorrevolezza della prosa di Marryat.