Salta al contenuto principale

Concrete Rose

concreterose

Maverick Carter ha diciassette anni e vive nel quartiere ghetto di Garden Heights. Il padre, Big Don, è un ex-capo dei King Lords, la gang che insieme al gruppo rivale dei Garden Disciples si contende il controllo del quartiere, e da nove anni è in galera. A capo dei King Lords ora ci sono Dre, il cugino di Maverick, insieme all’amico Shawn. Maverick si accontenta di fare qualche lavoretto di poco conto per la gang e di vivere la sua storia d’amore con Lisa, mentre la madre cerca di fare di tutto per tenerlo lontano dai guai e metterlo sulla retta via. Ma le cose si complicano in fretta: per arrotondare e aiutare la madre, costretta a fare due lavori alla volta per tenere insieme il bilancio familiare, Maverick ha infatti iniziato a spacciare droga insieme al suo amico King, senza dire nulla ai capi della gang. Inoltre, in un momento di debolezza dovuto al fatto che Lisa lo aveva temporaneamente mollato, si è lasciato tentare da Iesha, la fidanzata di King. I due hanno avuto un fugace rapporto sessuale, il problema è che adesso la ragazza ha avuto un bambino e solo un test di paternità potrà stabilire se si tratta del figlio di King oppure di Maverick. Se il figlio fosse davvero suo, come potrebbe Maverick farsene carico, non avendo un lavoro e dovendo ancora finire la scuola? E cosa ne sarebbe del suo rapporto con Lisa? E in che modo questa cosa potrebbe cambiare i suoi rapporti con gli altri membri della gang, a partire dallo stesso King?

Angie Thomas ha debuttato nel 2017 con The Hate U Give. Il coraggio della verità, un libro che si è subito piazzato al primo posto della lista dei best seller del “New York Times” nella categoria young adults e ha fatto incetta di premi. Dal romanzo è stato tratto l’omonimo film, interpretato con enorme successo da Amandla Stenberg. Concrete Rose è il prequel di The Hate U Give: se la protagonista di quell’esordio era infatti Starr Carter, questo libro si concentra sulla figura di suo padre Maverick, cogliendolo in una fase decisiva del suo percorso esistenziale. Messo di fronte a scelte non facili, Maverick dovrà trovare dentro di sé la forza per cambiare e prendere le decisioni giuste, anche se questo lo costringerà a dire addio per sempre a quella che è stata la sua vita sino a quel momento. Con una scrittura asciutta e priva di fronzoli la Thomas ci porta all’interno di un ghetto immaginario che diventa il simbolo di tutti i ghetti del mondo, per mostrarci come il destino non sia scritto e come sia sempre possibile riuscire ad imprimere una svolta positiva alla propria vita, anche per chi come Maverick Carter parte da una situazione oggettivamente molto difficile. Una storia di formazione che si lascia leggere con piacere, che non si tira indietro davanti agli aspetti più crudi della vita in un ghetto ma che si chiude con una nota ottimistica per il futuro.