Salta al contenuto principale

Crisis

Crisis

Luke Carlton ha dieci anni. Come ogni anno la compagnia petrolifera del padre organizza un picnic aziendale. Quest’anno il luogo scelto è ai margini della giungla colombiana. Troppo curioso e troppo annoiato per stare fermo, Luke neanche si accorge di essersi perso fino a che non si rende conto di non essere più solo. Intorno a lui ci sono degli uomini, piccoli, asciutti. Li segue ed arriva ad una raduna dove ad aspettarlo trova una donna che non conosce e che gli comunica una notizia che gli cambierà la vita... Sempre Colombia, sempre la giungla, ma molti anni più tardi. Il campo è lì davanti. Jeremy Benton, agente dell’M16, sa perfettamente quale pericolo sta correndo e di cosa sono capaci fare i colombiani del cartello ai loro prigionieri, ma non può assolutamente andare via senza fare delle foto. Ed è l’ultima cosa che farà. La sparizione di un agente dell’M16 non può passare inosservata, la situazione è delicata e serve una persona ben addestrata, conoscitrice del luogo, della lingua e delle situazioni critiche. Luke è l’uomo adatto per questa missione, trovare o almeno capire che fine ha fatto Benton. Lo accompagna un avvocato per un supporto legale, il tipo sembra saperne più di lui. L’accoglienza è degna della sua preparazione: tre uomini e una donna bellissima cercano di ucciderlo la prima sera appena tornato in albergo. Luke riesce a rintracciare Fuentes, il contatto di Benton, e scopre che dietro alla sua sparizione c’è uno dei più temuti trafficanti, El Pobrecito. Ma cosa nasconde El Pobrecito? Non certo i suoi traffici noti a tutti. Cosa ha acquistato dalla Corea del Nord? Rischiando la vita Luke scopre che l’Inghilterra è minacciata dalla vendetta dei colombiani. Ora bisogna scoprire come si realizzerà e soprattutto come fermarla...

Romanzo adrenalinico perfetto per chi ama un eroe super addestrato con una soglia del dolore così alta che neanche un buco in un piede fatto con un trapano riesce a fermarlo. Luke Carlton, orfano a dieci anni, un’infanzia trascorsa nell’allevamento di pecore dello zio nel Northumberland, berretto verde dei Royal Marine ed ora agente dell’M16, personaggio protagonista nel 2018 in Ultimatum, primo romanzo della serie, nasce dalla penna di Gardner. Autore inglese, laureato in studi arabi ed esperto di Islam corrispondente per la sicurezza della BBC, è stato inviato di guerra. Ha vinto diversi premi, nel 2005 l’OBE per i servizi al giornalismo, poi il Premio El Mundo per il giornalismo internazionale. Una passione per le relazioni internazionali trasmessa dai genitori entrambi diplomatici. Nel 2006 nel suo primo lavoro, Sangue e sabbia, racconta come sia nata la passione per il Medio Oriente e narra l’attentato ad opera degli uomini di al-Qaeda subito a quarantadue anni, nel quale perse la vita il suo cameraman e che a lui ha compromesso l’uso delle gambe. Una grande passione per i viaggi, che ama fare sul retro di un furgoncino per godersi il paesaggio (nel 2009 pubblica Orizzonti Lontani, una raccolta di viaggi fatti, ha visitato oltre 90 paesi, con aneddoti e un corredo di foto) e lo sport. Oggi, anche se costretto ad una deambulazione assistita, non rinuncia alle sue passioni, fa immersioni nel Mar Rosso e nel 2008 è stato in grado di riferire dall’Afghanistan e dalla Colombia. I suoi estimatori stiano pronti; è prevista l’uscita di un nuovo romanzo, Outbreak, con Luke protagonista che dovrà indagare su un nuovo tipo di virus, forse figlio di un’arma batteriologica, che minaccia il pianeta, tema purtroppo attualissimo.