Salta al contenuto principale

Darko Branko, l’allegra orchestra di fiati e altre storie cosà

Darko Branko, l’allegra orchestra di fiati e altre storie cosà

“Lo sanno tutti che il mondo intero è una marmellata di albicocche!”. Almeno, questo è quello che afferma al pittore giramondo la fornaia paffutella che adora infilarsi nei krof ancora caldi e mangiare tutta la marmellata dell’interno. Il locomotiva (non la, proprio il) invece, rischia di partire in ritardo dalla stazione perché decide di tuffarsi nel lago di Bled per recuperare la pletna di porcellana del disperato signor Fabrizio Arachide, perduta durante una gita in barca con la sua consorte Amalia Mandorla. Il sotto-sotto-diavolo invece adora il cioccolato, ma gli altri tre diavoli del palazzo in cui vive non lo devono sapere, mentre un signore molto grasso ha bevuto e mangiato così tanto che, ad un certo punto, le sue bretelle si sono staccate di netto e hanno cominciato a volare sopra i semafori e le strade, i negozi, l’intera città, fino ad impigliarsi nei sacchi a pelo di due senzatetto. E poi c’è Darko Branko, il ragazzino che dà il titolo al libro, che intervista le persone e chiede loro che cosa hanno sognato, perché mamma Ivana dice che la fortuna vien di notte, perciò i sogni sono numeri magici. Ma quando incontra Freya Flamm, che di mestiere insegue il sole, Darko Branko si dimentica della schedina del lotto e parte con lei per un giro intorno al mondo di trentasette giorni...

Sono venti le brevi storie raccolte in questo libro: storie che sembrano raccontare la quotidianità, ma che poi si trasformano, fanno le capriole e si riempiono di situazioni assurde e comiche, con buffi personaggi che vivono avventure senza capo né coda. Ma è proprio questo ribaltamento della realtà a scatenare nel lettore l’ironia e a far volare l’immaginazione. I protagonisti sono bambini, adulti, locomotive e addirittura un autobus che non riesce ad uscire da una buca scavata nella strada da alcuni bambini. Ricordano molto i giochi di fantasia dei bambini, le storie scritte da Peter Svetina autore sloveno due volte candidato al rinomato premio Hans Christian Andersen, nel 2020 e 2022. Autore di libri per ogni età, ad oggi ha pubblicato venti libri per bambini e ragazzi, tre dei suoi racconti sono stati adattati per spettacoli di burattini mentre alcune poesie e racconti sono stati tradotti anche in altre lingue. Una raccolta di racconti divertenti che ben si prestano per una lettura corale a voce alta, ma anche come brevi storie della buonanotte, per sognare strani personaggi e numeri fortunati.