Salta al contenuto principale

Discorso di un albero sulla fragilità degli uomini

Discorso di un albero sulla fragilità degli uomini
Autore
Traduzione di
Genere
Editore
Articolo di

Cina, periferia di Shenyang, città a vocazione industriale che a sua volta è situata nella periferia del Paese, nella parte nord-orientale. La famiglia Zhang qui trascorre un’esistenza parca, senza infamia né lode, mentre attorno si innalzano i simulacri decadenti della rivoluzione produttiva, quella del balzo in avanti perseguito come un mantra dal governo di Pechino. Wei sa di avere in mano un tesoro non da poco: l’ultimo sommacco sopravvissuto in città, detto “l’albero che piange” perché ne veniva incisa la corteccia per estrarne una preziosa linfa, la lacca. Oltre a essere sentinella silente, molte storie legano questo albero alla famiglia: il prozio Hou-Chi scrisse A proposito degli alberi, un saggetto filosofico intriso di massime dedicato a Mao e poi sottoposto alla lettura del Comitato centrale del partito comunista. Inoltre i genitori di Wei, Bao e Fang, sono morti diversi anni prima e sono andati a morire fra le possenti radici intrecciate del sommacco, e i loro corpi hanno lasciato un’impronta nell’erba alta. Gli Zhang ambiscono da sempre a riscattare la loro umile dimora dal proprietario, l’inaffidabile signor Fan, e sono sul punto di farlo grazie ai risparmi di una vita, ma improvvisamente un ostacolo spunta sul loro cammino: in un Paese come la Cina sempre alla ricerca ossessiva della modernità c’è un progetto ambizioso che potrebbe violare il territorio, con la conseguente espropriazione e l’abbattimento della casa e dell’albero, con il fine di estrarre dal terreno un metallo rarissimo e di grande valore, il terbio…

Finalista al Premio Goncourt 2015, Discorso di un albero sulla fragilità degli uomini di Olivier Bleys è un romanzo che a un primo impatto può risultare atipico, perché intriso di suggestioni e atmosfere che solo ciò che è autenticamente orientale può contenere. Non a caso il libro è edito da Edizioni Clichy e inserito nella collana Gare du Nord, che idealmente si propone di restituire la stessa multiculturalità e lo stesso universo composito che emerge dalla stazione ferroviaria parigina. Il ritmo appare sincopato e introspettivo, scandito da diverse storie più che da un continuum narrativo. La narrazione assume a tratti un sapore quasi documentaristico, laddove il realismo e la denuncia delle condizioni della Cina industriale contemporanea prevalgono sui toni fiabeschi e onirici che invece caratterizzano larghe parti del romanzo. Il Discorso di un albero sulla fragilità degli uomini è soprattutto questo, uno squarcio sul mondo presente, dove con malinconia ma allo stesso tempo con forza indomita e senza rassegnazione si tratta il tema del capitalismo spinto, che vorrebbe calare dall’alto i propri progetti senza sottoporli all’avallo del territorio, senza che il popolo sia d’accordo. Gli Zhang lottano per conservare le proprie radici e il proprio diritto a esistere, e la tematica è drammaticamente attuale se pensiamo alle molteplici opere pubbliche nate per l’interesse di pochi e contro le quali la gente combatte perché rischiano di devastare il territorio. Ne viene fuori un libro sull’umanità e sulla voglia di perseguire uno sviluppo sostenibile, che guardi al futuro senza cancellare millenni di tradizioni e di legami fra uomo e natura.