Salta al contenuto principale

644.000 euro al fumetto italiano

Il Ministero della Cultura (MiC), per la prima volta nella storia del paese, ha indetto un bando pubblico, intitolato “Promozione Fumetto 2021”, da 644.000 Euro destinato a fornire risorse agli operatori no-profit attivi nella promozione culturale e artistica del Fumetto, attraverso mostre, eventi, manifestazioni e festival. Un risultato importante frutto del dialogo del Ministero, e in particolare della DGCC - Direzione Generale Creatività Contemporanea con RIFF – Rete Italiana Festival di Fumetto. 

La missione dei festival associati in RIFF, ovvero sensibilizzare le istituzioni statali e governative in merito alla Nona Arte, ha compiuto un primo passo a novembre 2020, con la stipula di una Convenzione quadro con la DGCC di cui il Bando “Promozione Fumetto 2021” è il primo frutto.

“Siamo molto soddisfatti per la nascita di questo bando, che segna un risultato storico importante per un settore delle industrie creative a lungo invisibile alle istituzioni centrali” - ha dichiarato Claudio Curcio, Presidente di RIFF - “Siamo inoltre felici che il primo importante bando del MiC dedicato al Fumetto sia destinato in primo luogo anche agli organizzatori di festival – va detto con orgoglio – che hanno svolto un ruolo pionieristico di valorizzazione della Nona Arte di cui ha beneficiato e sicuramente beneficerà ancora l’intera filiera e che prosegue oggi grazie alla capacità di farsi volano di promozione culturale ed economica a livello internazionale, nazionale e locale”.

Il bando “Promozione Fumetto 2021” offre agli associati a RIFF – Rete Italiana Festival di Fumetto, a tutti i festival italiani di fumetto, ai musei e agli altri operatori no-profit dotati di esperienza nel campo specifico della Nona Arte, una nuova opportunità per consolidare e rafforzare le proprie attività, con particolare attenzione per quelle espositive. Lo strumento del co-finanziamento garantirà infatti, a tutti progetti selezionati, un supporto fino all’80% dei costi ammissibili entro il limite massimo di € 70.000 per lo sviluppo della qualità curatoriale, degli allestimenti e della disseminazione alle tante mostre ed eventi che ogni anno vengono organizzate nelle più diverse location culturali, festivaliere e museali lungo tutto il territorio nazionale.