Salta al contenuto principale

Firefly - Segreti e peccati

Firefly - Segreti e peccati

Malcolm “Mal” Reynolds, capitano dell’astronave “Serenity”, è caduto nelle mani di Boss Moon, comandante e unica sopravvissuta della squadra di Unificatori a cui era stato dato il compito di catturare lo stesso Reynolds e Zoë Alleyne Washburne - suo secondo e moglie di Hoban “Wash” Washburne, che della Serenity è pilota - per i loro trascorsi nelle file delle “giubbe marroni”, l’esercito indipendentista uscito sconfitto dalla guerra dell’Unificazione. Mal dovrà affrontare le accuse di omicidio e crimini contro l’umanità in un processo nei tribunali dell’Alleanza la cui conclusione - la condanna a morte per impiccagione - appare già scritta. Approfittando di un momento di distrazione di Boss Moon (una chiamata della madre) Mal prova a liberarsi dai legacci, ma il tentativo di mettere fuori gioco la sua avversaria non ottiene l’effetto sperato: nel corso della colluttazione urta i comandi della navetta su cui si trovano, che finisce con il precipitare su Sette Beta Nove, un piccolo corpo celeste popolato da giganteschi vermi carnivori. La feroce lotta contro i mostri trasforma i due nemici in improvvisi alleati: raggiungere il deposito dell’Alleanza sul pianeta potrebbe significare per entrambi l’unica speranza di salvezza, e la condivisione di un passato da soldati, pur vissuto da parti opposte, sembra avvicinarli anche oltre le contingenze del momento. Intanto Zoë, che in assenza di Mal ha preso i comandi della “Serenity” ed è decisa a salvare il suo amico ed ex commilitone, scopre che, nonostante la sconfitta, gli ideali indipendentisti covano ancora sotto la cenere; e Inara Serra, l’ambasciatrice - “accompagnatrice” d’alto bordo, il cui legame con Mal sembra più profondo di quanto ognuno dei due riesca ad ammettere, potrebbe avere un asso nella manica...

Firefly, la nuova serie a fumetti pubblicata negli USA da BOOM! Studios ed edita in Italia da Saldapress che prende le mosse dall’originale universo narrativo del serial omonimo (2002) e del film Serenity (2005), ritorna con il secondo volume, che raccoglie gli albi 5,6,7 e 8. Il soggetto è di Joss Whedon, pluripremiato produttore, sceneggiatore, regista e autore di fumetti statunitense, finito di recente sotto i riflettori per le pesanti accuse rivoltegli da Ray Fisher, l’attore che ha prestato il volto al personaggio di Cyborg nella pellicola Justice League, costate all’interprete la conferma nel ruolo del supereroe nella pellicola in uscita su Flash. Whedon è stato accusato di aver creato un ambiente di lavoro tossico e di atteggiamenti abusanti sul set. L’indagine interna condotta dalla Warner Bros. ha squarciato una vera e propria cappa di silenzio, facendo emergere storie simili perpetrate durante le riprese dei primi serial che hanno portato Whedon al successo: Buffy l’ammazzavampiri e Angel. Le protagoniste Charisma Carpenter (Cordelia), Michelle Trachtenberg (Dawn Summers), Amber Benson (Tara Mclay) hanno riportato di non aver ancora del tutto superato i traumi emotivi legati a quelle vicende, e la stessa Sarah Michelle Gellar (Buffy Summers), in un recente post apparso su Instagram, ha dichiarato: “Se da un lato sono orgogliosa di vedere il mio nome associato al personaggio di Buffy Summers, non voglio che sia legato per sempre a quello di Joss Whedon”. Anche l’ambiente lavorativo della serie Firefly sembra non esser stato risparmiato: Jose Molina, uno degli sceneggiatori del serial space western, ha ribadito su Twitter: << “Crudele con disinvoltura” è il modo perfetto per descrivere Joss. Lui riteneva che essere cattivi equivalesse ad essere divertenti. Far piangere le sceneggiatrici nel corso delle sessioni di scrittura era considerato particolarmente spassoso. Si vantava di aver spinto alle lacrime per ben due volte una scrittrice nel corso di un meeting>>. Al momento Whedon non risulta aver risposto in alcun modo alle accuse. Il secondo volume di Firefly si connota come opera di passaggio, con una trama che, rispetto alla prima uscita, perde in parte mordente, frammentandosi in molteplici linee narrative che seguono le vicende dei diversi personaggi, pur approfondendone il passato e delineandone maggiormente tratti di personalità. Rispetto alla collaudata squadra già vista all’opera nella prima uscita - Greg Pak (L’incredibile Hulk, X-Men e Superman) alla sceneggiatura, Dan McDaid (Doctor Who, Judge Dredd, Dega) ai disegni e Marcelo Costa (Radiant Black, Power Rangers, Teenage Mutant Ninja Turtles) ai colori - c’è la novità di Vincenzo “Viska” Federici alle chine degli albi 5 e 8: napoletano, classe 1986, disegnatore e insegnante presso le scuole di fumetto italiane “Comix ARS” (Salerno) e “The Sign - Comics and Arts Academy” (Firenze), ha all’attivo collaborazioni con Soleil Editions, IDW Publishing, e ha firmato, tra le altre, cover per Sabrina the Teenage Witch (Archie Comics) e Bettie Page Unbond (Dynamite Entertainment).