Salta al contenuto principale

L’elenco telefonico degli accolli

L’elenco telefonico degli accolli

Zerocalcare sa che non basta aver messo come suoneria uno dei propri brani preferiti per cambiare la sensazione di disagio e di angoscia che genera lo squillo periodico dello smartphone; da quando è riuscito a scrollarsi di dosso i lavori saltuari, precari e sottopagati, e “fare i fumetti” è diventata una occupazione a tempo pieno, che si tratti di un messaggio, di una notifica, di una chiamata, è molto probabile che dall’altra parte ci sia qualcuno con proposte di partecipazione ad eventi come il “Festival dell’odore di cane bagnato di Trezzano sull’Adda” - comprensiva di disegno della locandina - presentazione - esecuzione di “disegnetti” per i fan -, o alla “Sagra del sughero” - che “è una cosa sera, ci sono i saluti del sindaco e il patrocinio della Regione”, e pertanto “fa curriculum” -, o di realizzare un manifesto contro lo sgombero di un centro sociale... insomma, un “accollo”. A poco servirà evitare di rispondere: alcuni degli accolli continueranno ad insistere su ogni piattaforma social o mezzo di comunicazione possibile, infilandosi nei varchi aperti nelle fini strategie di elusione (“la convenzione di Montreal che regola i rapporti sociali indica che ogni dieci tentativi di contatto ignorati devi rispondere almeno a uno”) messe in atto. Per sopravvivere e non lasciarsi travolgere dal mix micidiale di scadenze, disperati tour de force e sensi di colpa è necessario stabilire delle priorità, guardandosi sempre dal rischio incombente di nutrire il “lato oscuro”, quello che porta a magnificare il proprio ego, e a dimenticarsi dei compagni di viaggio...

Due anni di post pubblicati sul blog di Zerocalcare, dal marzo 2013 all’aprile 2015, con cadenza più o meno quindicinale, tenuti insieme da un racconto inedito che fa da linea d’unione anticipando alcuni degli scenari e delle tematiche che verranno riprese nel doppio volume di Macerie prime e Macerie prime - sei mesi dopo. L’impostazione è la stessa di Ogni maledetto lunedì su due, ma questa volta il periodo raccontato è quello che ha segnato la trasformazione della passione e del talento di Michele Rech, alias Zerocalcare, in attività a tempo pieno, il suo ingresso impacciato nel mondo della Cultura, dei rapporti con gli editori, della candidatura al Premio Strega del 2015 con il romanzo a fumetti Dimentica il mio nome, dei primi contatti con Valerio Mastandrea e gli sceneggiatori che hanno curato la scrittura della trasposizione cinematografica de La profezia dell’armadillo, il romanzo a fumetti che lo ha reso celebre, in concorso alla 75a Mostra del Cinema di Venezia. Al centro della narrazione c’è l’equilibrio quotidiano e precario del percorrere ogni giornata carichi dei fardelli delle responsabilità e della memoria, del sentire di dover rispondere alle aspettative, cercando di non perdersi, di salvaguardare la propria identità, costellata di cicatrici, sconfitte e vittorie, costantemente alle prese con demoni moderni, districandosi tra haters e “accolli” vari, con il consueto corteo di personaggi dei videogame, delle serie TV e dei cartoni animati degli anni ‘80 che rendono naturale il processo di identificazione per chi fa parte delle generazioni che si sono ritrovate a crescere e a formarsi a cavallo di quegli anni.