Salta al contenuto principale

Heat 2 1988-2000

Heat 2 1988-2000

Chris nel 1995 è stato gravemente colpito alla clavicola: fuggito a stento, è stato salvato dal cauto buon Nate (intermediario, ricettatore e faccendiere della vecchia scuola) ed è riuscito a riparare prima in Messico poi in America Latina, rifacendosi lì lentamente una nuova vita, pur lontano dall’amata moglie Charlene e dal piccolo figlio Dominick. Vincent si mette sulle tracce di Chris, dei soldi e di Eady, l’ignara nuova compagna di Neil. Torniamo indietro al 1988: dov’erano i tre complici Vincent a inseguire delitti e misfatti, i due amici criminali a realizzare furti clamorosi e violenti. Il biondo possente bellissimo Chris si trova a Las Vegas, colmo di dollari, benzedrina e marijuana, e compra i favori di una escort che gli piace, decidendo di liberarla presto dal pappone per far crescere un amore; poi torna a Chicago dall’amico capobanda Neil, che sta progettando un ardito colpo di alti livello e rendimento. In città c’è anche il pessimo intelligente psicopatico Otis Wardell che con i suoi compie trucide rapine in serie (torturando chi gli capita e violentando le donne). Nessun dorma...

C’era una volta il gran bel film Heat - La sfida, ambientato e uscito nel 1995: splendidi interpreti, fra gli altri Al Pacino (il poliziotto Vincent Thomas Hanna), Robert De Niro (il colto ladro Neil McCauley) e Val Kilmer (il delinquente complice Chris Shiherlis, un fratello di fatto), varie brave attrici e caratteristi; soggetto, sceneggiatura e regia dell’ottimo Michael Mann (prese lo spunto da una serie televisiva sul poliziotto, che aveva realizzato e diretto nel 1989); lunga durata (quasi tre ore), girato in California; buone critiche e notevoli incassi, successo finanziario. In tanti vi muoiono e proprio alla fine Hanna uccide McCauley. Questo è il prologo ora di uno splendido romanzo, pubblicato un quarto di secolo dopo dallo stesso regista. Mann ha ormai ottanta anni e ci delizia con un noir adrenalinico, scritto quasi a quattro mani (con caratteri leggermente minori) insieme alla famosa scrittrice di polizieschi Meg Gardiner. Il titolo richiama esplicitamente il film, secondo atto. La narrazione è in terza varia al presente (1995-96, 1988, 2000), su tutti i protagonisti, inventando spazio creativo per le sadiche gesta del criminale veramente cattivo (assente nel film). Una volta tanto il cartaceo viene dopo la pellicola, prequel e sequel visto che racconta approfonditamente come si era arrivati alla sfida narrata dal film e cosa accade poi ai protagonisti sopravvissuti, ormai legati da un destino comune. Wardell nel 1988 riesce più volte a salvarsi per il rotto della cuffia in modo sanguinario e si mette poi sulle tracce della banda di Neil, rovinandone i relativi piani e trovandosi una nuova perversa identità. Tutti i residui destini si reincrociano di nuovo nel 2000, una sfida dietro l’altra: Chris si è inserito in una nuova organizzazione criminale che realizza affari e conflitti in tutto il mondo, ma continua sempre a odiare il poliziotto che gli ha ucciso Neil; reciprocamente Vincent ha in sospeso la cattura dell’ultimo della feroce banda, ma deve sempre più spostare l’attenzione sullo psicopatico Wardell, un imperativo che sente presto nel sangue. Il tempo rimbalza ogni tanto (ma non troppo spesso) avanti e indietro. I capitoli sono progressivi e riguardano tutte le scene essenziali, 97 in tutto, ognuna con notevole introspezione dei personaggi principali, con proprie dinamiche scenografiche e colonne sonore, tutte davvero palpitanti. Forse ci vorrebbero almeno tre film per trasferirle compiutamente sullo schermo (o un’intera serie tv). Impossibile tentare di riassumere bene anche solo l’inizio della gesta noir, delle relazioni affettive, degli omicidi necessari, delle stragi occorse. Segnalo l’isola indonesiana di Batam, nello stretto di Malacca, un milione di abitanti a quindici chilometri da Singapore e a mezzo mondo di distanza da Los Angeles. Neil leggeva molto e cita Camus a proposito. Ogni alcolico che serve, Veuve Clicquot già al primo incontro fra Chris e Charlene.