Salta al contenuto principale

I delitti dello Zodiaco

I delitti dello Zodiaco

Agosto 1968, Firenze. È una notte luminosa, con un cielo trapuntato di stelle. Lungo il muro del cimitero di Signa procede un’Alfa bianca che si ferma in uno spiazzo che costeggia la macchia. Due giovani cominciano ad amoreggiare sul sedile posteriore mentre qualcuno li spia da un cespuglio. Quando la donna mostra il seno al suo amante, l’uomo che è nascosto esce dall’oscurità e li massacra a colpi di pistola. Milano, 12 dicembre 1969. Un taxi Fiat 1100 attende con il motore acceso all’angolo di via Larga. Il passeggero dietro di lui, infagottato in un impermeabile grigio, ha una borsa di cuoio sulle ginocchia. Alle 16,25 scende e si dirige con passo regolare verso la Banca dell’Agricoltura. Dopo meno di dieci minuti un’esplosione destinata a cambiare la storia repubblicana. Sabato 24 luglio di due anni dopo. Il centro di Milano è deserto. Un uomo vestito da sacerdote impreca per il gran caldo. Pensa che San Francisco è molto meno umida di Milano in questa stagione e che l’Italia gli provoca troppi brutti ricordi. Non è un vero prete ma è in missione per conto di amici nelle alte sfere. Deve eliminare alcune persone che hanno tradito l’organizzazione, come quel tassista, nostalgico fascista, che ha il vizio di parlare troppo. Il killer, mentre sta parlando da un apparecchio a gettoni del piazzale esterno dell’Università Cattolica in largo Gemelli per ricevere istruzioni, nota una ragazza acqua e sapone che indossa un vestitino azzurro. Lui le odia le ragazze come lei, quelle con l’aspetto delle timorate del Signore. Lei si reca in bagno e inizia a cantare un coro da chiesa. Il falso prete non trattiene più la rabbia e la segue ruotando in mano un coltello bilanciato a lama piatta...

Fabrizio Carcano è un autentico maestro del genere thriller e noir, molto amato dal pubblico milanese per via dell’ambientazione dei suoi romanzi. È un giornalista che scrive anche per “Il Giorno” e “Libero”. Dal 2020 è anche responsabile per Mursia della collana Giallo/Thriller Giungla Gialla. Questo I delitti dello Zodiaco è il suo quindicesimo romanzo noir, ambientato nella città meneghina. Anche in questo caso l’autore conferma la sua cifra, con un impianto che si intreccia con fatti di cronaca nera ormai celeberrimi e molti elementi religioso-esoterici. In questo caso Carcano ipotizza l’arrivo in Italia del terribile di Zodiac, il terribile serial killer che ha lasciato dietro di sé una scia di sangue in California alla fine degli anni Sessanta. Il collegamento è basato anche sulle recenti notizie di cronaca in cui si è ipotizzata una possibile sovrapposizione tra il Mostro di Firenze e Zodiac, appunto. Proprio per questo motivo il romanzo in questione comincia con il delitto di Lastra a Signa del 1968, il primo della serie del Mostro di Firenze. Vengono citati altri fatti di cronaca noti come l’attentato di Piazza Fontana o l’omicidio della Cattolica. Carcano è abilissimo nel far combaciare tutti i pezzi del puzzle e restituire un quadro credibile della storia. Un altro centro per lo scrittore milanese.