Salta al contenuto principale

Il cavallo del dipinto magico

Il cavallo del dipinto magico

Lo studente Cui Sheng proviene da una famiglia molto povera della provincia dello Shandong. Un giorno vede un bellissimo cavallo nel suo cortile e lo caccia via, ma quello torna e ritorna nelle notti successive. Allora Sheng decide di usare il cavallo per andare a trovare un suo caro amico nella provincia dello Shanxi. Deve percorrere più di 300 miglia, ma il cavallo sembra volare e ne percorre 100 in un baleno. Quando arrivano nello Shanxi tutti si fermano a guardare quel cavallo così bello e la notizia arriva al governatore locale, che vuole comprarlo. Il giovane non vorrebbe venderlo, preoccupato che il vero proprietario venga un giorno a cercarlo, ma dopo sei mesi si decide di accettare le 800 monete d’argento che gli offre il governatore. Il cavallo però sparisce misteriosamente alla prima missione dove viene inviato e le sue tracce portano al vecchio Zeng, il vicino di casa di Cui Sheng, che non conosce quel cavallo, ma in casa ha un dipinto che rappresenta proprio quel cavallo...

Questa è la quinta uscita della collana INCINQUE, dopo Chiamare la luna: il lettore potrà imparare i significati, le origini e la scrittura di cinque nuovi ideogrammi – diàn, negozio; Jiàn, vedere; măi, comprare; huà, quadro o dipingere. Sono cinque termini che ripercorrono la storia raccontata, tratta dai Racconti fantastici dello studio Liao di Pu Songling, scrittore della seconda metà del Settecento. La storia del cavallo magico che prende vita da un dipinto è una delle 491 raccolte nel libro che l’autore usa per criticare e prendere in giro la società dei suoi tempi. E per ascoltare questa storia, sia in cinese che in italiano, basta leggere i codici QR in quarta di copertina. Anche il testo è bilingue, in alto in cinese, in basso in italiano. D’altronde anche il magazine “Cina in Italia”, che edita questo libro, è bilingue dal 2007 e la sua mission è quella di far conoscere la vera Cina alla società italiana, aprendola alla comunità cinese e rafforzando gli scambi culturali e commerciali tra i due Paesi.